RIFLESSIONI (Pubblicato sul mensile “Il Lavoro Fascista” – Aprile 2016)

L’ormai consueto ritardo con il quale esce il nostro mensile (che recupereremo entro l’estate), ci consente di commentare notizie posteriori al mese di riferimento del presente numero; approfittiamo, quindi, per lasciare da parte le solite litanie sull’infausto 25 aprile, sulla vergogna di quanti festeggiano in pompa magna una sconfitta militare, l’uccisione di almeno 50 mila connazionali ed il ritorno di mafia e criminalità riportate dalle baionette dell’invasore straniero. Eviterò anche la milionesima riproposizione di questa o quella strage partigiana, pubblicando a seguire un interessante intervento, a proposito del quale sarà il caso di fare un’ampia premessa; innanzi tutto, l’autore è anonimo e la sua vera identità è sconosciuta persino al sottoscritto. Tuttavia questo “Ruxius” ci segue ormai da moltissimi anni, senza mai farci mancare il suo contributo economico (anonimamente versato pure quello!), indi conosce le dinamiche interne del nostro movimento e la nostra storia molto meglio di tanti effettivi tesserati.

Di solito gli interventi del nostro Ruxius compaiono sul gruppo Yahoo privato del MFL-PSN, ma questa volta ho deciso di riportare il tutto in formato cartaceo, anche perché trovo più semplice lasciargli la parola, che mettermi a scrivere un mio articolo sugli argomenti interessanti che ci propone.

Sul primo argomento che ci sottopone, ovvero l’ennesima porcata della falsa democrazia italiana (in realtà, dittatura giudaico – massonica retta dalle armi di quegli invasori di cui sopra), credo ci sia ben poco da dire; nulla di nuovo sotto il sole… Ormai in gran parte d’Europa vigono “leggi” antirevisioniste dettate ai vari “governi” dalle lobbies giudaiche e che prevedono pene draconiane per tutti quelli che osano discutere del presunto “olocausto”. A nulla valgono le prove inconfutabili dell’eterna menzogna, così come nessuno dovrai mai osare chiedersi come mai il giudeame blaterava di “olocausto” e di “sei milioni” di vittime già nel 1915; visitate questa pagina, per togliervi ogni dubbio:

http://amagicast.com/1915-1938-sulla-stampa-americana-gia-si-parla-di-6-milioni-di-ebrei-molto-prima-di-hitler/

In estrema sintesi, a mio parere, il fatto che il mondo giudaico pretenda il varo di “leggi” liberticide che elevano il presunto olocausto a dogma di fede, rappresenta la migliore vittoria per il revisionismo e per i pochi che ancora non si lasciano anestetizzare dalla propaganda giudaica.

Non hanno fatti con i quali zittire i critici, non hanno alcun modo di provare l’esistenza di camere a gas mai viste da nessuno (e mai ritrovato neppure lo straccio di un progetto cartaceo per costruirne una, non dimentichiamolo), indi non possono fare altro che usare la forza contro chi dissente dalla loro verità ufficiale. Sono letteralmente terrorizzati dal tempo, che gradatamente sta facendo venire a galla tutte le loro falsità, tipo l’eccidio dei militari polacchi a Katyn, che i russi stessi hanno ammesso in anni recenti, mentre a Norimberga vennero esibite le “prove” che lo addebitavano ai tedeschi… E se non bastano più le tante prostitute intellettuali che troviamo fra storici, giornalisti, docenti universitari e di scuole superiori, magistrati, avvocati e  politici, allora useranno direttamente la galera.

Nessuno si sognerebbe mai di chiedere la galera per chi dovesse negare l’esistenza di Napoleone o Giulio Cesare, ma da oggi in Italia si potrà andare in galera per avere negato l’olocausto!

Solo in Turchia esiste una Legge simile, cioè quella che punisce chi osa ricordare il genocidio degli Armeni ad opera degli stessi Turchi; ovviamente il cosiddetto mondo “libero” tuona contro questa Legge, senza rendersi conto (o ignorando volutamente), che essa è figlia della stessa madre di quella varata contro chi nega l’olocausto… Da una parte il terrore di ricordare ai posteri un crimine commesso, dall’altra lo stesso terrore di venire smascherati per avere inventato un crimine mai commesso.

Se non è una vittoria questa: obbligare la lobby giudaica a gettare la maschera, rivelandosi nella sua vera identità!

AUSCHWITZSPAINDUSTRIADELLOLOCAUSTOMENZOGNADIAUSCHWITZ

Venendo al secondo argomento trattato nell’intervento di Ruxius, è necessario mettere al corrente i lettori di certi avvenimenti recenti all’interno del MFL-PSN, in modo da coglierne i riferimenti alle persone ed alle idee proposte.

In breve, recentemente un ridicolo invasato cattolico, vero e proprio talebano all’amatriciana, si è avvicinato al MFL-PSN; era già accaduto anni fa, ma allora lo sconsigliai vivamente dall’aderire, in quanto non avrebbe trovato terreno fertile per le sue stupide superstizioni. Questa volta ho provato ad accoglierlo, nonostante l’elemento da più di 20 anni continui a rendersi ridicolo su ogni sito e forum politico con i suoi interventi, nei quali mischia assurdamente i suoi problemi fisici, la sua presunta fede nel Fascismo, e la sua reale fede nel cattolicesimo, che sconfina in evidenti problemi psichici.

Speravo che l’avere superato la quarantina e l’essere stato messo alla porta praticamente da tutti i movimenti della cosiddetta area avesse contribuito a migliorarlo, ma sbagliavo di grosso; poco dopo averlo accolto a braccia aperte ed avergli persino offerto un ruolo di coordinamento locale, lo abbiamo visto spuntare tramite un messaggio di strali contro il sottoscritto, “reo” di portare avanti posizioni anticattoliche e (orrore!) di bestemmiare!

E qui arriviamo direttamente al punto; questi grossi suini ignoranti che si ergono a paladini di una qualsiasi religione, comportandosi esattamente come giudei e comunisti, esigono il rispetto per loro stessi, ma non sanno neppure cosa sia il rispetto per gli altri… Ovvero, invece di ringraziarmi per avere accolto una macchietta che avrebbe portato più discredito che lustro al MFL-PSN, il grosso ignorante mi attacca senza provare a capire che, così come io non approvo il suo pregare ma non mi oppongo in alcun modo, lui (e i tanti coglioni come lui) dovrebbe disapprovare il mio bestemmiare, senza però permettersi di dire a me cosa posso dire, soprattutto in casa mia.

Questo introduce al vero problema della convivenza con gli integralisti, che sono pericolosi per la civiltà anche quando sono cattolici, cristiani, o induisti.

Questi signori, figli di religioni barbare che hanno introdotto concetti quali il Dio unico, gli infedeli da convertire (o ammazzare) e la guerra santa, rappresentano l’imbarbarimento del mondo moderno rispetto a quello antico, dove certamente si vedevano guerre, atrocità e quant’altro, ma mai in nome di Dio. Gli antichi avevano la buona abitudine di credere nei loro Dei, lasciando altri popoli credere in altri Dei; l’eventuale successo in battaglia rappresentava per loro il favore degli Dei, la sconfitta la collera degli stessi.

Con l’arrivo nel nostro continente delle 3 religioni più barbare e deleterie della Storia, ovvero ebraismo, islam e cristianesimo, abbiamo visto soltanto crescere il numero di morti e parallelamente l’ipocrisia; tutti sostengono di essere portatori di pace e bontà, millantano precetti di tolleranza ed amore verso il prossimo, ma nella realtà (esattamente come accade nella nostra “democrazia”), i diritti spettano solo ai propri compari, mentre gli altri si possono massacrare senza problemi. Cristiani cattolici che massacravano cristiani protestanti, musulmani sunniti che massacravano (e massacrano) musulmani sciiti, giudei che, in quanto cosiddetto “popolo eletto”, massacrano tutti senza distinzioni.

Ora, tornando a noi, come leggerete, Ruxius sostiene l’incompatibilità fra cattolici e Fascisti, tesi con la quale concordo in parte; diciamo che esiste incompatibilità fra Fascisti veri e cattolici integralisti, così come esiste con gli islamici radicali, ma se si riuscisse ad avere a che fare con persone dotate di un Q. I. superiore a quello delle scimmie, si potrebbero anche trovare punti di contatto e metodi di convivere, come ho spesso sostenuto in  passato.

Mi spiego meglio; io, se fossi un fedele di una qualsiasi religione, sarei lieto di seguirne i precetti e di essere poi ricompensato con il paradiso; ma nei confronti degli altri che non volessero seguire la mia stessa fede, avrei un atteggiamento del tipo: “Peggio per voi”. Io conosco la verità e andrò in paradiso, voi finirete all’inferno.

Semplice e lineare; perché mai dovrei scagliarmi contro gli altri credenti in religioni diverse? Per il timore di ritrovarmi da solo in paradiso?

Inoltre, a che pro dovrei obbligare con la forza qualcuno ad abbracciare la mia religione?

cattolici

Assurdità senza risposte…

Da quando dirigo il MFL-PSN, ho sempre messo bene in chiaro che qua si professa il Fascismo (o socialismo nazionale) vero, quello cioè che si pose come Terza Via fra socialismo internazionalista e liberalcapitalismo, ovvero equidistante dai regimi rossi e dalle cosiddette democrazie liberali… Nulla a che fare, quindi, con i tanti fascisti all’amatriciana che, in chiave anticomunista, pretendono di divenire lacchè dei giudei e degli USA, magari rinnegando le alleanze con le altre Nazioni governate dal socialismo nazionale.

Dopo di che, ho detto altrettante volte che da noi sono bene accetti tutti credenti, purché non desiderosi di imporre la propria fede agli altri; nulla a che fare, quindi, con i tanti finti “fascisti” che non si perdono una Messa (magari in latino, perché fa più “tradizionalisti”) e blaterano a vanvera contro l’Islam.

Detto in termini più volgari, personalmente non me ne frega nulla se qualcuno nel suo tempo libero prega Allah o chiunque altro, così come non mi interessa se qualcuno nel giardino di casa sua danza intorno al fuoco invocando il suo Totem personale; l’importante è che tutti seguano le direttive politiche e si muovano nella stessa direzione. Le scelte devono essere fatte certamente considerando la morale, ma in modo laico e pragmatico; ad esempio, non me ne può fregare di meno se due individui dello stesso sesso si accoppiano fra loro a casa propria, ma non posso accettare che gli stessi adottino un bambino… E questo non perché lo dice Dio o qualche suo interprete più o meno qualificato, ma perché non è giusto traumatizzare un infante e/o un bambino, che diventerebbe lo zimbello di tutti gli altri, crescendo con gravi problemi comportamentali e psicologici.

Detto questo, non posso però tacere la mia avversione politica e logica per tutte queste religioni; e se l’ebraismo è il nemico storico di tutti i non ebrei, ma in special modo dei Fascisti, non posso non ricordare che dopo l’ebraismo viene il cattolicesimo, nella classifica dell’infamia e dei danno arrecati alla mia Patria ed alla mia Ideologia.

Sì signori, il cattolicesimo, non l’Islam, perché è stato il cattolicesimo ad abusare del Fascismo, dell’Uomo della Provvidenza, per fare i suoi sporchi interessi, ed è stato lo stesso cattolicesimo che lo ha tradito, quando si rese conto che Mussolini ed Hitler non potevano più portare benefici al Vaticano. E’ stato il cattolicesimo a passare dalle scomuniche ai comunisti al collaborazionismo più vergognoso, e sempre esso ha trasformato “l’uomo della provvidenza” nel “male assoluto”, come ebbe a dire l’infame Papa polacco.

Poco mi importa che tanti cattolici all’amatriciana sostengano che loro credono in Dio, senza badare alla Chiesa ed al Papa, perché con certi ragionamenti evidenziano ancora di più la loro ignoranza… Già, perché il cattolicesimo si differenzia da altri culti cristiani proprio in virtù del riconoscimento del primato della Chiesa cattolica romana, la quale è retta dal cosiddetto Papa, che è, nei deliri cattolici, considerato “infallibile”!

Dunque, chi non bada alla Chiesa, ai preti ed al Papa, non può essere cattolico, così come chi rinnega l’alleanza con il nazionalsocialismo non può essere Fascista!

Quindi, cari cattolici (e presunti tali), mettetevi d’accordo con voi stessi, prima di parlare di politica; se non siete in grado di tollerare che qualcuno bene informato in Storia rinfacci al vostro clero ed al vostro Papa i loro mille tradimenti, state lontani dal MFL-PSN. Qui nessuno vi critica se credete nel vostro Dio, ma tutti vi criticheranno perché siete schiavi di una religione che ha tradito tutto e tutti nel corso dei secoli, prostituendo le cosiddette “sacre scritture” al potente di turno. Ricordo ancora i miei studi di Scienze Politiche, e rammento individui come l’abate Bossuet, il quale insegnava al Delfino di Francia che “la forma di governo più gradita al Signore è la monarchia assoluta”. Così come ricordo le truppe dello Stato Pontificio, che fino al 1870 sparavano con armi modernissime contro i Bersaglieri Italiani, “rei” di volere unificare la Patria. E ricordo ancora il funzionare della ghigliottina nello Stato del Papa – Re, tanto che il boia di quella Stato, Mastro Titta, passò alla Storia per le sue capacità; ma soprattutto ricordo i ghetti per gli ebrei, e ricordo la pretesa da parte di ogni fedele di essere antisemita, in quanto gli ebrei dovevano essere considerati “deicidi”.

preti-fascisti1Decine e decine di immagini storiche ci mostrano preti ed alti prelati in abiti talari, inginocchiarsi con deferenza di fronte a Mussolini ed Hitler, e la Storia ci rammenta come scodinzolavano ai piedi di costoro per convincerli ad intervenire in Spagna, dove anarchici e comunisti sfogavano la loro barbarie contro le Chiese, le suore (regolarmente stuprate e seviziate), ed i preti, arrivando persino a fucilare in pubblico le statue di Gesù Cristo.

Oggi, quella stessa Chiesa cattolica, agitando sempre le stesse cosiddette sacre scritture, chiede si suoi soldatini di considerare gli ebrei come “fratelli maggiori”, condanna l’antisemitismo, definisce il Nazifascismo come “male assoluto”, collabora attivamente con comunisti e sinistrume assortito, e piagnucola se qualche Stato sovrano applica la pena di morte a criminali macchiatisi di orrendi ed inumani crimini, in virtù di quel ridicolo senso del perdono che le truppe cattoliche e cristiane non ebbero mai durante l’Inquisizione, le Crociate, o durante le invasioni (con assortiti genocidi) dell’America, della Africa e di molti Paesi orientali.

In conseguenza di quanto ho scritto, cari amici “cattolici”, non credo di essere io a dovermi fare un esame di coscienza, poiché mi limito a rammentare fatti storici documentati ed incontrovertibili; forse questo esame dovrebbero farlo quelli che blaterano di Fascismo cattolico, o di tradizioni cristiane, o peggio, di Islam nemico. Se l’Islam oggi è nemico, cari cattolici, fate come fecero gli islamici che voi andavate ad attaccare nelle loro terre, con la scusa delle Crociate, benedette da quegli stessi Papi che oggi reclamano tolleranza ed ecumenismo: armatevi e difendetevi, invece di piagnucolare.

preti_fascisti

Io a questa guerra non parteciperò, almeno fino a quando un islamico non verrà fino a casa mia per tentare di convertirmi, o sottomettermi in qualsiasi modo. E giusto per chiudere questo intervento, cedendo la parola al Camerata Ruxius, torno ancora a rammentarvi che mentre molti volontari islamici inquadrati nelle Waffen SS ancora combattevano a nostro fianco, la Chiesa cattolica ufficiale aveva già tradito… Ma soprattutto, vi ricordo che gli unici Paesi nei quali abbiamo rivisto qualche traccia di Socialismo Nazionale dopo il 1945, sono Paesi del mondo Arabo a maggioranza islamica. Indi, cari cattolici, godetevi il vostro mondo antifascista e fedele allo strapotere delle sinistre; io ricordo con commozione galantuomini come Saddam Hussein.

Carlo Gariglio

Leggo sempre con estremo piacere i numeri del giornale e suggerisco anche di aggiungere nel prossimo numero un commento sull’infida questione: l’ultima porcata di una “democrazia”…

http://www.repubblica.it/politica/2016/06/08/news/negazionismo_si_camera_a_legge_da_2_a_6_anni_carcere-141594281/

http://www.repubblica.it/politica/2016/05/03/news/negazionismo_approvato_ddl_al_senato_fino_al_sei_anni_di_reclusione_-139019740/

Ce l’hanno fatta anche da noi.

Non che mi stupisca più di tanto… Anzi, sinceramente mi stupiva il contrario; stupefacente sarebbe stato “resistere” oltre.

Questo paese che con la Grecia potrebbe vantare il più alto livello di tradizione culturale avanzata in termini di questioni di Legge e Democrazia come per Francia e Grecia, è da tempo governata da puri e semplici fantocci che non solo ubbidiscono ma lo fanno scodinzolando alla lobby sionista.

Indimenticabile l’immagine di Fini con la kippa che si commuove… Indimenticabile..

Dunque anche l’Italia cessa ufficialmente (ma oserei dire, chi se n’è accorto?) un paese dove vige la “libertà di parola”. Sorgono alcune inevitabili riflessioni su questo evento che fa coppia con la recente approvazione della legge sull’adozione gay.

Tanto per cominciare: gli ebrei sono una comunità ospite di questo paese che però non si può dire non abbia le doti per comportarsi da padrona.

E’ una divagazione ma anche la comunità italo – cinese è numerosa in questo paese, ma il suo governo non impone leggi a noi, al massimo tutela loro stessi, tanto è vero che essi dispongono di procedure fiscali e legali ad hoc… Loro possono ciò che noi non possiamo… Lì però c’è dietro direttamente il governo cinese (in entrambi i casi hanno dai nostri governanti ciò che vogliono in virtù delle loro qualità economiche).

Nell’articolo (ma a noi non serviva tanto leggerlo) è espressamente indicato come il PRESIDENTE delle comunità ebraiche sia presente al dibattito a Palazzo Madama… Approvando l’operato…

Verrebbe da chiedersi: “Siamo messi così male che hanno ottenuto ciò che volevano da tempo solo per la sciagurata simpatia che ha la sinistra nell’approvare tutto ciò che possa distruggere il concetto di Nazione o c’è anche la solita merce di scambio economica dietro?”

E poi, viene da ridere pensando ai commenti pubblicati sulla pagina stessa da parte dei lettori… Non ha forse contribuito a rendere antifascisti molti di quei lettori la consapevolezza che il Fascismo fu male perchè vietò la libertà di parola?

Eppure quando essi stessi fanno lo stesso ora ne gioiscono?

La verità è sempre la stessa… Senza tornare tanto indietro all’oscurantismo che impedì a Galileo di pubblicare le proprie scoperte scientifiche per timore di essere condannato dalla Legge di allora di “eresia” (con le nefaste conseguenze che lì costarono l’abbrustolimento di Copernico, qui si traducono nel più civile essere sbattuti in galera) e cioè la verità è che il senso di Giustizia di questo paese è sempre quello dei partigiani.

TUTTO CIO’ che è nella loro direzione per quanto incoerente o ingiusto è lecito PUR di combattere e annientare il Fascista.

Del resto in un paese in cui Bossetti con addosso il DNA di Jara potrebbe farla franca dopo averla uccisa, mentre il Fascista si fa la GALERA CERTA per il saluto romano… E ci sarebbe da ridire sul fatto che sia il “Fascista” ad essere danneggiato da questa legge.

L’altra considerazione non si riesce mai a smettere di doverla fare…

La Legge potrebbe ANCHE per qualche verso assurdo, rappresentare nel senso rigoroso del termine, un atto di responsabilità sull’obbligo di usare la libertà di parola in modo sensato… Ma il problema in questo paese sono sempre loro: giudici e magistrati che strapazzano ogni legge per ottenere le più nefaste sentenze che facciano loro comodo.

Questo il vero problema… Se la legge fosse anche giusta, in mano a certi giudici diventa solo ciò per cui è stata in realtà approvata: STRUMENTO DI POTERE E VESSAZIONE!

Purtroppo esiste una realtà a noi evidente e innegabile.

Gli invasori a stelle e a strisce, gli Stati Uniti (d’Israele), quando hanno preso il potere in questo paese hanno scientificamente e volontariamente lasciato campo libero alle partigianerie unite per creare quella zizzania a ogni livello che renda questo paese intellettualmente ed economicamente MAI produttivo… Perchè potesse essere QUINDI colonia economico culturale del loro Impero senza troppo sforzo aggiunto; la sinistra in italia esiste e prospera GRAZIE ai liberatori americani, perchè diversamente non avrebbe merito di esistere.

E da quel dì la sinistra ha fatto egregiamente il proprio sporco lavoro per arrivare oggi a questi risultati (Renzi e compagnia bella).

Le ultime porcate arrivano dall’Austria dove l’estrema destra stava per vincere le elezioni (o poco addietro in Francia dove anche lì stava avvenendo lo stesso).

Quando qualche partito o movimento che voglia opporsi a questo disfacimento nazionale si prospetta, LORO sanno come fare; nel caso dell’Austria non è stato necessario fare una mobilitazione generale come in Francia, ma adottare il trucco dei residenti all’estero è…. GENIALE!

Vediamo come funziona: la sinistra NON promuove la crescita demografica, devasta con le tasse i cittadini e siccome la popolazione non cresce approva a dismisura l’immigrazione che contemporaneamente distrugge col mescolume la tradizione, fonte di vita del Fascismo. Tutto perfettamente studiato a tavolino..

Questo video illustra bene il punto:

Ci presentano l’immigrazione come una necessità… La realtà è che non lo è ma è un disegno…

Tornando in Austria, anche lì come in tutta Europa si è abbattuta quest’ondata di migranti che a noi è spacciata dai media come inevitabile e imprevista (ma non lo è affatto) e di conseguenza anche in Austria hanno avuto più impulso le correnti politiche xenofobe e anti immigrazione.

E a chi ci si rivolge allora per scongiurare una vittoria di queste forze xenofobe? Ai RESIDENTI ALL’ESTERO, cioè a coloro che vivendo FUORI dall’Austria in teoria non possono sperimentare su di sé il “piacere” di essere sommersi da un’ondata migratoria… GENIALE!

Notevole e geniale pensata quella secondo cui gli ospiti (vedi le comunità ebraiche italiane in un caso) o chi non è nel posto per cui vota, decidono di quel che deve succedere da qualche parte! Non trovate?

Anche i cittadini all’estero hanno il diritto di votare”… E perchè mai, se risiedendo all’estero di fatto si può dire che se ne sono andati via fregandosene del proprio paese?

L’ultima considerazione è duplice; sul livello di ammaestramento di questo paese per cui la gente è sostanzialmente CONTENTA che se si tratta di ciò che a loro piace non conta il “principio” ma va bene vietare libertà di parola (ma che verità è quella che ha bisogno della Legge per valere? E poi perchè allora se lo fece il Fascismo fu sbagliato imabavagliare i giornali d’opposizione?). In sostanza in Italia tutti protestano a parole col vicino di casa, ma nei fatti non si fa niente, neanche smettere di votare! E quando si tratta di avvallare l’adozione per i gay nessuno protesta; ma allora se non sa difendere neanche la famiglia il cattolicesimo in Italia a che serve? Francamente gli italiani sono diventati un popolo così smidollato che in sostanza gli va bene davvero tutto, dalle proposte più assurde per la raccolta differenziata dei rifiuti, allo scandalo di ogni tipo a livello governativo.

Va bene che governi un presidente del consiglio non eletto, magari modificando la Costituzione… All’italiano basta ricevere 80 euro per dire sì; gli va bene che cada il principio della libertà di parola, che i finocchi adottino i figli sfruttando la povertà di chi affitta un utero.

Ma se guidati dal Crozza dal Ricca o dal Travaglio di turno, eccoli che si aizzano in manifestazioni oceaniche per combattere contro il REGIME Berlusconiano… Verrebbe da ridere se non da piangere considerando chi è veramente Berlusconi…

E qui la seconda considerazione ultima; ma proprio quanto sono in malafede tutti quei mestieranti della politica che si sono sempre fatti paladini di Giustizia, Libertà e Principi si oscurano proprio quando tutti, di ogni fazione politica, dovrebbero INSORGERE per questi obbrobri fatti dai parlamentari?

Su Berlusconi, personaggio poi più squallido che altro, non apro neanche il capitolo per vergogna… Ahimè, ai tempi d’oro fui tra coloro che pensarono potesse portare qualcosa di nuovo nella lotta contro il comunismo in Italia… Tuttavia Berlusconi e Trump sono la quintessenza dello spreco morale di quest’epoca. Persona piene di miliardi che si impegnano in politica INCAPACI però di usare un solo centesimo dei propri soldi per fare EFFETTIVAMENTE un infinitesimo di quello che fa la sinistra per ottenere un popolo di cerebrolesi al proprio servizio e cambiare quindi EFFETTIVAMENTE le cose.

In effetti guardando l’Italia di oggi viene da rabbrividire per la MAESTRIA con cui i vincitori del ’45 hanno saputo rendere gli italiani il PERFETTO POPOLO BUE… Una delle nostre più grandi sottovalutazioni è continuare a credere in un popolo che è morto e si è estinto prima moralmente e prossimamente (con merito) pure etnicamente…

E qui non posso che per l’ennesima volta lanciare una specie di provocazione… Fino a qui abbiamo CONSERVATO i principi del Fascismo, da Ultimi Custodi… Abbiamo preso, capito e professato il nostro credo, ma essendo rimasti gli ULTIMI RAPPRESENTANTI nel Mondo di questa ideologia comincio a chiedermi – in riferimento al caso del personaggio che ama definirsi “Il Vandeano” – se non sia il caso di OSARE persino “ammodernare” l’impianto ideologico, alla luce degli ultimi accadimenti…

Andando cioè avanti e prendendoci questa Responsabilità che fu solo del Duce; e mi spiego meglio: il Fascismo è LAICO, e in teoria fa una cosa saggia… Dice: “non importa in cosa credi che avvenga nell’al di là, se al di qua sei disposto a dare una mano a propugnare in modo trasparente e onesto i NOSTRI VALORI allora sei il benvenuto”.

Ma io, chierichetto per 3/4 anni, con 6 anni di educazione Don Bosco alle spalle e famiglia molto religiosa, quando ho potuto finalmente realizzare che il cattolicesimo non è che un CIARPAME giudaico per giunta “di scarto”, opposto ai NOSTRI VALORI,  non ci ho pensato due volte ad abiurare la bella favoletta che ci mette a posto di fronte al mistero della propria morte… Ora mi chiedo e chiedo a voi, vista cosa è la teoria e vista cosa è invece la pratica, che parte molto prima dei tempi di Mazzer (partiamo tipo da Diocleziano magari) e arriva al Vandeano, chiedo: ma quanto ci serve ancora per  capire che Fascismo e Cattolicesimo sono due sistemi di Valori INCOMPATIBILI e INCONCILIABILI e che dovremmo forse e finalmente OSARE fare un salto in avanti, e  abbandonare l’approccio saggio per una chiarezza etica migliore?

In fondo cosa ci ha dato il cattolicesimo?

Protezione dei nostri valori: ZERO ASSOUTO.

Ricette: ZERO ASSOLUTO

Prospettive: ZERO ASSOLUTO.

Valori etici: ZERO ASSOLUTO.

Ha solo aumentato la confusione… C’è stato qualcosa di diverso tra Fascismo e Nazismo e uno dei punti di diversità è stato proprio l’approccio verso questo tipo di cultura antitetica; mentre il Nazismo ha avuto il coraggio di rinnegare il ciarpame giudaico in ogni sua forma noi ce lo siamo tenuto buono, ma con quali risultati?

Cosa abbiamo mai ottenuto dagli ebrei e dagli amici degli ebrei?

Sarà assurdo ma in quanto ultimi rappresentanti “legali” del Fascismo in realtà noi avremmo anche potere “legislativo”…

In questi tempi bui, dove la nostra potenza di fuoco propagandistica combatte una battaglia vana se confrontata alla potenza di fuoco immensa e incalcolabile delle potenze occidentali plutocratiche e sioniste non varrebbe la pena di approfittare per rivedere un po’ il nostro impianto e magari adattarlo meglio ai catastrofici risultati della seconda guerra mondiale persa?

Cioè nel guardare “dentro” visto che “fuori” c’è poco da fare? E’ come se avessimo l’occasione buona per riflettere, ma dovremmo però prenderne coscienza.

Già Gariglio ha fatto MOLTO di questo lavoro se pensiamo alla politica MFL isolazionista, tale per necessità di “dignità”, dato l’alto disprezzo morale di tutte le altre componenti politiche per ogni ragione di onestà intellettuale verso i nostri principi… Tanto non varrebbe a questo punto andare avanti e osare più che semplicemente ‘“conservare” memoria?

In parole più povere, quando capiremo che un buon Fascista è ANCHE colui che mette da parte una volta per tutte e in modo chiaro l’amore incondizionato per gli italiani che NON lo meritano e che i cattolici coerenti non possono far parte del Fascismo coerente perchè si tratta di due ideologie incompatibili?

E’ assurdo, infatti, pensare che il cattolicesimo sia una dottrina che si applica solo alla propria spiritualità… Solo un cattolico IGNORANTE della propria dottrina può ritenere che il cattolicesimo e gli insegnamenti di Gesù Cristo gli permettano di non essere applicati alla vita reale sovrapponendosi agli stessi propugnati dal Fascismo ma in direzione contraria.

L’ovvia obiezione è: “Ma così non restiamo più soli ancora?”

Risponderei: “Nel senso che come i Soli brilleremo ancor di più di intensa luce? CERTO che sì” (muovendo il capo con approvazione).

La trovo una risposta più appagante del “meglio soli che male accompagnati”.

Tutta questa ansia dei numeri non la capisco sinceramente; ma cosa ce ne facciamo di numeri che dopo un 8 settembre si SGONFIANO in modo esorbitante? Il vandeano in piccolo è proprio la metafora migliore di quella triste data… Ma aveva cominciato a rendersi evidente lo scollamento già ai tempi del buon Mazzer.

Quando si applicano COERENTEMENTE i principi del Cattolicesimo inevitabilmente si storpiano quelli del Fascismo e viceversa…. Ma non è meglio fare chiarezza una volta per tutta e COLTIVARE persone che perseguano con coerenza i principi dell’una o dell’altra dottrina con CONSAPEVOLEZZA?

Dopotutto un Cattolico che voglia esserlo con coerenza e prendere ispirazioni di forza ha la destra (anche se per me la coerenza assoluta ce l’ha più con la sinistra) a disposizione in Italia per sfogarsi… O  no?

Poichè per il Fascismo oggi si parla di numeri sul centinaio in tutta Italia, non sarebbe il caso di approfittarsene e fare finalmente quella chiarezza morale che ebbero i primi imperatori romani?

Se il Fascismo si ispira a Roma, la Roma che non voleva “cadere” aveva le idee chiare su questa dottrina religiosa; la Roma che invece la abbracciò fu poi quella che cadde, allorché minata proprio dall’interno e proprio da questa ideologia che io considero ormai nefasta.

Ruxius

 

PAGLIACCIATE NATALIZIE (Pubblicato sul mensile “Il Lavoro Fascista” – Dicembre 2015)

A mio parere il mese di dicembre è sempre stato uno dei più disgustosi e difficili da vivere, essendo un periodo nel quale si fondono fra loro, esaltate a livello estremo, tutte le ipocrisie e le manifestazioni di stupidità collettiva… Un mese in cui da tutti i cosiddetti “media” ci vengono propinati oggetti vari, per lo più inutili, che quasi ci sentiamo in obbligo di regalare per onorare il tanto decantato Natale, ovvero la celebrazione di una nascita probabilmente mai avvenuta, di una figura mitologica inventata dai cristiani sovrapponendola a culti di altri Dei molto più antichi (tipo quello del Dio Mithra, nato anche lui in una grotta il 25 dicembre, ma 14 secoli prima dell’invenzione di Cristo).

Come se ciò non bastasse, dicembre è anche il mese in cui tutti si sentono obbligati a partire per località sciistiche costosissime ove trascorrere le generosissime festività, che in Italia abbondano più che in altri Paesi…

Ma in questo dicembre, come se non bastassero le legioni di cerebrolesi in coda per acquistare cazzate, o per celebrare superstizioni, o per gettare dalla finestra quei soldi che tutti dicono mancare a causa della crisi, ci è toccato sopportare la totale demenza dimostrata da destri e sinistri, a proposito delle celebrazioni religiose che avrebbero potuto turbare la sensibilità degli sgraditi ospiti immigrati… E così abbiamo assistito da sinistra al calarsi le braghe di docenti e presidi di varie scuole, che hanno ordinato la sospensione delle celebrazioni religiose, mentre da destra piovevano le proteste per queste scelte, accompagnate da “eroiche” rappresentazioni natalizie messe in piedi qua e là per dimostrare il coraggio di non cedere alle intimidazioni.

Ora, la totale vigliaccheria dei sinistri, unita ad un Q. I. prossimo allo zero, non rappresentano certo una sorpresa, ma vedere persone così terrorizzate dal cosiddetto ISIS da arrivare a calarsi le braghe non alla prima richiesta, ma addirittura in totale assenza di ogni richiesta, rasenta il massimo disgusto per questi esseri che dovrebbero appartenere al genere umano.

Mi spiego meglio: qualcuno di voi ha letto o sentito in qualsiasi luogo di proteste degli islamici italiani di fronte alle celebrazioni del Natale?

Qualcuno di voi ha avuto notizia di proteste contro la presenza dei presepi nelle scuole, o in qualsiasi altro luogo?

figaro-19-240x240

Siamo, dunque, di fronte all’assurdo caso di persone che credono di fare cosa gradita agli extracomunitari senza neppure avere avuto la minima richiesta (che sarebbe stata, in ogni caso, assurda ed irricevibile) da parte loro, mentre dall’altro lato, cioè quello della destra quasi altrettanto ignorante, sono venute grida di protesta nei confronti di quanti, secondo loro, avrebbero preteso l’abbandono delle tradizioni religiose cristiane!

Un cretinismo a 360 gradi, in poche parole… Già, perché il vero dato di fatto è uno solo: non esiste al mondo un islamico serio che possa sentirsi offeso da celebrazioni riguardanti la nascita di Cristo… E non lo dico io, ma lo dicono i fatti; ecco cosa chiunque potrebbe trovare con una semplicissima ricerca internet tramite Google:

Cosa credono i musulmani
a proposito di Gesù?

I musulmani rispettano e riveriscono Gesù (la pace sia su di lui). Essi lo considerano uno dei più grandi messaggeri di Dio al genere umano. Il Corano conferma la sua nascita virginale e un capitolo del Corano è intitolato ‘Maryam’ (Maria). Il Corano descrive la nascita di Gesù come segue: 

Quando gli angeli dissero: “O Maria, Dio ti annuncia la lieta novella di una Parola da Lui proveniente: il suo nome è Messia, Gesù figlio di Maria, eminente in questo mondo e nell’altro, uno dei più vicini. Dalla culla parlerà alle genti e nella sua età adulta sarà tra gli uomoni devoti.” Ella disse: “Come potrò avere un bambino se mai uomo mi ha toccata?” Disse: “È così. Dio crea ciò che vuole. Se decide una cosa dice solo ‘Sii!’ ed essa è.”  (Corano, 3:45-47)

Gesù nacque miracolosamente per comando di Dio che creò Adamo senza un padre. Dio disse:

In verità, per Dio Gesù è simile ad Adamo. Egli lo creò dalla polvere, poi disse: “Sii!” ed egli fu.  (Corano, 3:59)

Durante la sua missione profetica, Gesù attuò molti miracoli. Dio ci disse che Gesù disse:

“In verità vi reco un segno da parte del vostro Signore. Plasmo per voi un simulacro di uccello nella creta e poi vi soffio sopra e con il permesso di Dio diventa un uccello. E prendo la morte per la vita con il permesso di Dio. E vi dico quel che mangiate e quel che accumulate nelle vostre case….”  (Corano, 3:49)

I musulmani non credono che Gesù fu crocifisso. Questo era il piano dei suoi nemici, ma Dio lo salvò e lo portò a Sè. E le fattezze di Gesù furono date a un altro uomo. I nemici di Gesù presero quest’uomo e lo crocifissero, pensando che fosse Gesù. Dio disse:

“Abbiamo ucciso Gesù il Messia, figlio di Maria, il messaggero di Dio.” Essi non lo uccisero, non lo crocifissero, ma così parve loro…  (Corano, 4:157)

Né Mohammed né Gesù riuscirono a cambiare la dottrina di base della fede in un unico Dio, portata dai primi profeti, ma piuttosto la confermarono e la rinnovarono.

Capito, brutta razza di decerebrati di destra e di sinistra? Nessun islamico può sentirsi offeso sentendo nominare Gesù (come credono molti idioti che lo hanno persino eliminato dalle canzoni natalizie!), semplicemente perché loro stessi venerano Gesù Cristo e la Vergine Maria!

Questo lo compresi diversi anni fa, quando il fenomeno migratorio era contenuto in termini sostenibili e nessuna invasione era in atto; mi capitò, infatti, di conoscere un iraniano fanatico Khomeinista, con il quale instaurai rapporti amichevoli… Incontrandolo in prossimità del Natale, mi venne incontro e mi diede la mano, augurandomi “Buon Natale”. Non essendo così esperto come oggi, anch’io rimasi sorpreso e gli chiesi cosa aveva a che fare lui con il Natale… Sorpreso più di me, rispose che loro celebravano il Natale perché riconoscevano in Gesù Cristo un importante profeta da venerare, sebbene non figlio di Dio, e nella Vergine Maria colei che aveva partorito il profeta. Inoltre, mi disse che ogni anno lo stesso Khomeini aveva l’abitudine di inviare in un suo discorso gli auguri di Natale a tutti i cristiani del mondo!

Sarebbero questi i nemici da temere con terrore per i sinistri, e da fronteggiare con ardimento e sprezzo del pericolo per i destri?

Alla luce di questi fatti assume una nuova dimensione anche la polemica sul crocefisso nelle scuole di alcuni anni fa, peraltro iniziata da un certo Adel Smith, che rappresentava a malapena sé stesso… Ovvero per gli islamici la persona inchiodata alla croce non è affatto Gesù Cristo, e non rappresenta in alcun modo un simbolo religioso.

Ci sarebbe molto altro da dire a proposito del cretinismo cristiano – cattolico, che considera “nemici” quelli che onorano il loro Gesù Cristo, ma scodinzola di fronte alla fede dei cosiddetti “fratelli” maggiori (gli ebrei), i quali, nei loro vergognosi testi sacri definiscono più volte Gesù Cristo: “illegittimo; che fu concepito durante il periodo mestruale; che aveva l’anima di Esaù; che era un pazzo, uno stregone, un seduttore; che egli fu crocefisso, sepolto all’inferno e innalzato come un idolo dai suoi seguaci”.

Ma l’intento del mio articolo non è sindacare sui cervelli all’ammasso del cattolicesimo nostrano, né sui deliri di un Papa polacco che, dopo secoli di antisemitismo con tro i cosiddetti “deicidi” preteso da tutti i vertici del cattolicesimo da parte dei fedeli, si inventò la favola dei “fratelli” maggiori e del comunismo “male necessario”. Contenti loro…

In questa sede vorrei, invece, parlare di Stati sovrani seri, aventi Leggi serie e addetti a farle rispettare, contrapposti a repubbliche delle banane come l’odierna Italia, dove le Leggi non ci sono, e quando ci sono, vengono interpretate dall’infame casta dei Giudici come meglio gli aggrada.

Eh già, perché se oggi siamo nella situazione in cui siamo, non è per colpa dei soliti immigrati più o meno clandestini, né degli islamici, ma sempre e solo degli italioti che non hanno saputo costruire uno Stato degno di questo nome, autorevole e rispettato nel resto del mondo.

Un esempio chiarirà il mio ragionamento.

Il 21/12/2013 il Ministro Emma Bonino (ovvero una persona divenuta famosa per avere praticato aborti clandestini con pompe da bicicletta, e che solo il Italia avrebbe potuto divenire Ministro degli Esteri) si recò in visita a Teheran… Le riprese delle TV di tutto il mondo ci mostrarono l’indegno Ministro degli Esteri con il capo coperto da un velo colorato… Il quotidiano “Il Giornale” del 28/01/2014 svelò l’arcano con queste descrizioni (confermate anche dal quotidiano israeliano Haaretz) che riporto fedelmente:

(…) Ma all’improvviso il capo del cerimoniale iraniano si affaccia a bordo. Non è lì soltanto per darle il benvenuto. Avvolti sul braccio porta tre veli. Il ministro ha la possibilità di sceglierne colore e disegno, ma per poter scendere dall’aereo deve assolutamente accettare d’indossarne uno (…) Ma davanti all’aut-aut impostole dal cerimoniere iraniano, che le avrebbe detto di scegliere tra il coprirsi il capo e continuare la sua visita ufficiale o di fare ritorno in Italia seduta stante, Emma Bonino avrebbe reagito chiedendo di parlare con il ministro Javad Zarif che non sarebbe stato presente al suo arrivo in Iran (…) Visibilmente alterata, chiede ripetutamente al capo del cerimoniale di passarglielo. Javad Zarif rifiuta persino di dirle ciao. Il suggerimento, passato per bocca del capo cerimoniale, è semplice quanto impietoso. O Emma si cala il velo sui capelli o può riaccendere i motori dell’aereo e tornarsene in Italia. Per un minuto il ministro affoga i pensieri in una sigaretta. Quattro boccate nervose per decidere se mandare tutto in fumo o, invece, sfidare ed osare (…)  Secondo Haaretz, il ministro Bonino si sarebbe mostrata addirittura «scioccata» e avrebbe insistito per sbarcare dall’aereo con i capelli scoperti. Il capo capo del cerimoniale a quel punto le avrebbe spiegato il protocollo: le donne, anche se facenti parte della diplomazia o della politica, devono rispettare l’usanza locale di coprirsi il capo. Alla fine, il ministro avrebbe capitolato, accettando di coprirsi il capo con un velo rosso, solo dopo quella famosa sigaretta (…).

emma-bonino-iran-velo-2-770x513

Ecco l’esempio di uno Stato sovrano serio, che pretende il rispetto delle sue Leggi da chiunque, persino da un Ministro degli Esteri di un altro Stato… Poco importa che io o chiunque altro consideriamo certe Leggi come demenziali: sono le loro Leggi e se vuoi recarti nel loro Paese le devi rispettare. Punto.

Cosa accade, invece, in Italia? Anche in questo caso mi avvalgo delle notizie riportare online da “www.ilpost.it” il 27/01/2016:

“Da un paio di giorni i giornali italiani si stanno occupando della storica visita a Roma del presidente dell’Iran, Hassan Rouhani, la prima in un paese europeo da quando è diventato presidente. Oltre a raccontare l’esito dell’incontro con il presidente del Consiglio Matteo Renzi (lunedì) e con il Papa (martedì), diversi giornalisti hanno lungamente scritto della polemica sulle statue di nudi dei Musei capitolini, che sono state coperte per il passaggio di Rouhani in Campidoglio, dove si è tenuto l’incontro con Renzi. L’Iran è infatti una Repubblica islamica con regole molto rigide su diverse questioni, tra cui la rappresentazione di nudi (…) Rouhani ha smentito che ci fossero stati contatti precedenti o richieste particolari da parte del governo iraniano (…) Un episodio simile si era verificato già tre mesi fa,  durante la visita a Firenze dello sceicco Mohammed Bin Zayed al Nahyan, principe ereditario degli Emirati Arabi Uniti: il Cerimoniale italiano decise in quella occasione di coprire un nudo di Jeff Koons con un paravento di carta decorata con dei gigli (…)”

Ovviamente, come sempre capita nelle repubbliche delle banane, subito è scoppiata la polemica: a sinistra si negava di avere dato simili disposizioni, a destra si tuonava contro l’Iran nemico dei giudei, tanto cari a molti destri nostrani…

Nella realtà dei fatti, come sottolineato nell’articolo precedente, nessuna pressione è venuta dall’Iran… Come al solito, si tratta della vigliaccheria e dell’ignoranza della sinistra, che cala le braghe anche quando nessuno chiede loro di calarle!

rouhani1Del resto, lo fanno dal 1945 ininterrottamente… Ormai hanno sviluppato la tipica mancanze di dignità dei cittadini delle colonie!

Proseguendo con gli esempi, tempo fa i notiziari riportarono la notizia di un cittadino britannico che, recatosi per turismo in Arabia Saudita, chiese al cameriere di un ristorante se avesse a disposizione del vino… Pochi minuti dopo, l’incauto turista venne accompagnato oltre frontiera e buttato fuori dal Paese a calci nel culo!

Vi immaginate se anche in Italia ci fosse una Legge che vieta gli alcolici? Vedo già zelanti camerieri proporre sottobanco alcolici di contrabbando, ed ancora più zelanti magistrati rossi assolvere il cittadino straniero perché al suo Paese non è previsto un simile vincolo… Un po’ come fecero i mascalzoni della cassazione anni fa, che assolsero un negro che deteneva gradi quantitativi di cannabis con la motivazione religiosa, in quanto il povero negro apparteneva alla religione “Rasta”, la quale richiede e consente l’uso di cannabis!

Eppure sarebbe così semplice porre un freno alla immigrazione ed a certi comportamenti che si porta dietro… Basterebbero Leggi serie, del tipo buttare fuori dal Paese tutte le famiglie di immigrati che pretendono di fare circolare le loro donne a volto coperto, o quelle che pretendono di conservare barbare tradizioni come l’infibulazione, o ancora come quelle che vietano ai figli di frequentare compagnie occidentali e di copiarne usi e costumi… Per non parlare di quelli che pretendono di non fare visitare una donna da un medico maschio!

Si vuole venire in Italia? Bene, basterebbe fare chiarezza su usi, costumi e Leggi dello Stato, proponendo agli immigrati la stessa scelta proposta dagli iraniani al Ministro Bonino: o accetti e rispetti le nostre Leggi, oppure te ne ritorni al tuo Paese con una bella pedata accompagnatoria.

Ma pretendere questa serietà da un Paese che incarcera i suoi cittadini se osano protestare contro l’invasione della delinquenza extracomunitaria, se osano difendere le loro case dagli assalti sempre più frequenti di delinquenti di ogni risma e colore, se non sono pronti ad abbandonare tradizioni secolari per fare felici gli ultimi arrivati, o che li affama a suon di tasse per permettere agli immigrati di essere mantenuti negli Hotel di lusso (lamentandosi anche del trattamento!), assume il carattere di un’utopia.

Rimane un punto da sottolineare, tornando all’inizio del mio articolo; si è parlato di celebrazioni religiose nelle scuole, così come anni fa si parlò di crocefissi nelle aule scolastiche e nei pubblici uffici. Ora, pur non avendo alcuna simpatia per nessuno dei cervelli all’ammasso che decidono di seguire una delle  tre famose religioni monoteiste, devo dare atto ai non cattolici di avere tutte le ragioni legali per protestare contro l’espressione di celebrazioni religiose nelle scuole, e questo non per mie personali preferenze, ma per le scelte dei “padri” costituenti di questa repubblica delle banane… Eh già, perché furono loro ad abolire la cosiddetta religione “di Stato”, in vigore dal 1848 e rafforzata dallo Stato Fascista (l’unico errore, a mio parere, commesso da Mussolini in tutto il suo periodo di Governo).

L’obbligo di affiggere i crocifissi nelle scuole fu istituito con i Regi Decreti 965/1924 e 1297/1928, ai sensi dello Statuto albertino, in epoca fascista. Il Consiglio di Stato si espresse a favore della presenza dei crocifissi nelle scuole nel 1988, nonostante il Cattolicesimo non fosse più religione di Stato. Ma nel 1997 la Corte Costituzionale disse l’esatto contrario, esprimendo parere contrario sulla presenza dei crocifissi nelle aule scolastiche, specie durante le votazioni.

Quindi, quanto vale per il crocefisso dovrebbe valere per il presepe, o per qualsiasi altro simbolo religioso… E tutto questo è stato stabilito non dai “biechi” Fascisti, ma dagli “eroici” liberatori che hanno (avrebbero) riportato la “democrazia” in Italia.

Resterebbe solo da capire come mai queste disposizioni sono sempre state disattese proprio dai loro estensori, visto che a tutt’oggi, nonostante il dettato costituzionale e le successive Sentenze, siano ancora molti i luoghi pubblici ove si pretende di esporre il crocefisso, ed altrettante le scuole dove si mischia l’attività didattica con Messe, presepi, cori religiosi e quant’altro.

Viene da pensare che, come costume delle repubbliche delle banane, lo Stato sia debole con i forti, mentre maramaldeggia contro i deboli… Infatti, finché in Italia tutti o quasi si dichiaravano cattolici, le flebili proteste dei pochi atei e dei pochissimi esponenti di altre religioni, nonostante fossero pienamente legittime, venivano liquidate con un’alzata di spalle, mentre oggi, che vi è il sacro terrore di fronte all’ISIS (che, come dimostrato dai dati pubblicati sullo scorso numero del giornale e dai più recenti avvenimenti, uccide molti più islamici che non cristiani), gli stessi eroi che ieri ignoravano la questione, siano oggi in prima fila nel calarsi le braghe e nell’accontentare persino le richieste mai formulate…

Definiteli voi come meglio credete: ignoranti, vigliacchi, ipocriti, o un mix delle tre definizioni… Ma ricordate tutti una cosa: l’odierno schifo che viviamo non dipende dagli stranieri, ma dalla feccia che ci governa dal 1945!

Carlo Gariglio