IL REVISIONISTA PRIMO LEVI (II PARTE) – (Pubblicato sul mensile “Il Lavoro Fascista” – Gennaio 2020)

(SEGUE DAL NUMERO PRECEDENTE)

ARRIVANO I LIBERATORI

Il 18/01/1945 le SS, sotto l’incalzare dell’armata russa, che aveva già occupato Cracovia, 50 Km ad est di Auschwitz e 43 da Monowitz, avevano abbandonato il campo in fretta ma ordinatamente, dopo avere fatto distribuire l’ultimo rancio quotidiano, un’ulteriore razione di pane e senza gasare, o fucilare i loro prigionieri, neanche gli ebrei che non potevano trasferire per le loro condizioni di salute.

All’alba del 21 la fuga dei tedeschi nei pressi del campo era completamente finita ed anche i civili polacchi erano scomparsi. Era logico attendersi che le sofferenze dei prigionieri fossero finite.

rimpatriata

Invece no! Nel campo e nei dintorni i tedeschi non c’erano più, ed i prigionieri che sotto la direzione delle SS avevano il medico, il dentista, il barbiere, il diritto a 40 giorni di quarantena in caso di malattia contagiosa, ed il rancio, ora, sotto la direzione dei Comitati clandestini,  erano liberi solo di morire di fame, di freddo e di stenti, mentre i liberatori non arrivavano e si facevano sentire solo bombardando il campo per accelerarne lo sfacelo.

Eppure certamente i russi sapevano che tutti i tedeschi, anche quelli disarmati, erano fuggiti, perché già dal 22 avevano occupato la cittadina di Auschwitz; anche se le loro pattuglie non fossero arrivate al campo, i partigiani polacchi, o i civili polacchi che lo avevano abbandonato entro il 21 (Pag. 205), o le radio della direzione clandestina, o la ricognizione aerea dovevano averli informati.

La prova che qualche pattuglia russa, o di partigiani polacchi fosse arrivata al campo almeno il 22 ce la fornisce lo stesso Levi, quando scrive che “alcune SS forse disperse, ma armate”, erano penetrate nel campo ed avevano ucciso, “metodicamente, con un colpo alla nuca”, tutti i 18 francesi che si erano stabiliti nel refettorio delle SS,  “allineando poi i corpi contorti sulla neve della strada” (Pag. 209).

Naturalmente i prigionieri che attendevano i russi come liberatori hanno pensato ai loro carcerieri, ma noi possiamo esaminare criticamente la notizia. Ricordiamo che le SS avevano abbandonato il campo già da quattro giorni e gli ultimi tedeschi erano stati visti fuggire verso occidente dal giorno prima; era improbabile il sopraggiungere di altri tedeschi, in una zona ormai occupata dalle truppe nemiche. Anche se dei tedeschi sbandati ed armati avessero incontrato i francesi, al massimo li avrebbero posti in fuga, probabilmente senza sparare, per evitare di richiamare l’attenzione di qualche pattuglia nemica. Non avevano nessun motivo di uccidere sistematicamente tutti con un colpo alla nuca, il classico modo di esecuzione dei russi, ed ancora meno di allinearli sulla strada, pronti per le fotografie dei liberatori, perdendo tempo prezioso per la loro salvezza.

Inoltre, se i corpi erano “contorti”, evidentemente erano stati trasportati ed allineati solo dopo che era sopravvenuta la rigidità, perché se fossero stati trascinati subito dopo l’uccisione, sarebbero rimasti distesi e non “ontorti”. I tedeschi cioè, invece di mettersi in salvo, avrebbero prima perso del tempo ad uccidere i francesi, inutilmente, poi ad attenderne la rigidità cadaverica, ed infine a trascinarli ed allinearli sulla neve.

SHOA

Assurdo. Ci si può credere solo ricorrendo al “Credo quia absurdum”.

L’unica spiegazione logica è che i francesi fossero incappati in una pattuglia di militari russi, o in una banda di partigiani polacchi, i quali, non volendo lasciare testimoni della loro presenza, li avevano eliminati, mentre per i tedeschi il fatto di essere visti non aveva alcuna importanza.

LA TREGUA

Primo Levi ci fornisce qualche ulteriore notizia nel suo libro “La tregua”, dove racconta le sue peripezie dopo l’arrivo dei russi ad Auschwitz; è il seguito di “Se questo è un uomo”, ma è stato scritto nel 1962. In numeri tra parentesi indicano le pagine delle citazioni (5).

Ora Levi ha scritto che “tutti i prigionieri sani furono evacuati, in condizioni spaventose, su Buchenwald e su Mauthausen, mentre i malati furono abbandonati a sé stessi (Pag. 9); prima aveva scritto che la quasi totalità “erano scomparsi durante la marcia di evacuazione”. Quindi Levi ci conferma che non erano stati inviati nelle camere a gas.

Levi aggiunge che l’intenzione tedesca era “di non lasciare nei campi di concentramento nessun uomo vivo, ma un violento attacco aereo notturno, e la rapidità dell’avanzata russa, indussero i tedeschi… A prendere la foga (Pag. 9), ma ora trascura il fatto che, secondo il suo stesso diario, i tedeschi avevano sgomberato il campo il 18 gennaio, ordinatamente e metodicamente, e che il campo era stato bombardato solo la notte successiva.

Se i tedeschi ne avessero avuto l’ordine e l’intenzione, avrebbero avuto tutto il tempo di uccidere gli 800 malati; ci sarebbero voluti solo pochi minuti per uccidere 800 malati riuniti nelle infermerie, prima o dopo il bombardamento.

Inoltre, poiché l’avanzata russa era effettivamente molto rapida, tanto da costringere i tedeschi a sgomberare il campo rapidamente, non si spiega perché i russi abbiano ritardato di 10 giorni l’effettiva occupazione del Lager di Monowitz, avvenuta solo il 28 gennaio.

Nell’infermeria del Lager di Buna – Monowitz erano rimasti in 800. “Di questi circa 500 morirono delle loro malattie, di freddo e di fame prima che arrivassero i russi, ed altri 200, malgrado i soccorsi, nei giorni immediatamente successivi” (Pag. 9). Quindi questi 700 morti sono da addebitare al ritardo nei soccorsi.

Pochi giorni dopo i russi radunarono tutti i superstiti in un “campo grande” di Auschwitz, dove era stato accolto anche un bambino che non sapeva parlare, di cui nessuno sapeva nulla, “Hurbinek, che aveva tre anni e forse era nato ad Auschwitz e non aveva mai visto un albero… IL cui minuscolo avambraccio era pure stato segnato con il tatuaggio di Auschwitz”,  e che morì ai primi di marzo.

Non era il solo bambino. “Ce n’erano altri, in condizioni di salute relativamente buone: avevano costituito un loro piccolo club… Il più autorevole membro del clan non aveva più di 5 anni, e si chiamava Peter Pavel… Era un bel bambino biondo e robusto, dal visto intelligente ed impassibile” (Pag. 26).

Quindi Levi ci conferma che ad Auschwitz c’erano anche dei bambini, tatuati come gli altri internati, che non erano stati inviati nelle camere a gas con le loro madri, e che rientravano nel numero complessivo degli internati, anche se non erano utili come forza lavoro e dovevano essere sfamati.

Poiché Levi era stato internato nel Lager ai primi di marzo 1944, col n° 174.517, il numero complessivo degli internati, bambini compresi, non deve avere superato i 250.000, mentre gli storici ufficiali affermano che ad Auschwitz so0no stati inviati nelle camere a gas 4 milioni di deportati, fra cui tutti i bambini.

1906

Durante il viaggio di rimpatrio, il 15 ottobre, il treno di Levi era passato per Monaco di Baviera, “fra il popolo dei Signori: ma gli uomini erano pochi, molti mutilati, molti vestiti di stracci come noi. Mi sembrava che ognuno avrebbe dovuto… Ascoltare con umiltà il nostro racconto. Ma nessuno accettò la contesa: erano sordi, ciechi e muti, asserragliati fra le loro rovine come in un fortilizio di sconoscenza voluta, ancora forti, ancora capaci di odio e di disprezzo, ancora prigionieri dell’antico nodo di superbia e di colpa”.

Queste parole di Levi, cariche d’odio verso i sopravvissuti all’olocausto tedesco, ci fanno tornare alla memoria il giudizio espresso dal generale Patton dopo la guerra, e cioè che quello tedesco era l’unico popolo decente d’Europa.

Levi dimostra invece una marcata simpatia per i russi: “Era agevole ravvisare in loro, in ciascuno di quei visi rudi e aperti, i buoni soldati dell’Armata Rossa, gli uomini valenti della Russia vecchia e nuova, miti in pace ed atroci in guerra, forti di una disciplina interiore nata dalla concordia, dall’amore reciproco e dall’amore di Patria; una disciplina più forte, appunto, perché interiore, della disciplina meccanica e servile dei tedeschi. Era agevole intendere, vivendo fra loro, perché quella e non questa avesse alla fine prevalso” (Pag. 122).

Questi giudizi non meritano commenti.

Quindi Levi, così attento ed acuto nello studiare e giudicare i suoi compagni di prigionia e di viaggio, in “La Tregua” non solo si dimostra nemico dei tedeschi, come è logico per un ebreo, ma “chiuso in un fortilizio di sconoscenza voluta”, per usare le sue stesse parole.

Il 19 ottobre Levi giunge a Torino: “La casa era in piedi, tutti i familiari vivi… Gli amici pieni di vita” (Pag. 154). I tedeschi avevano giustamente risparmiato i familiari di Levi.

Quante famiglie tedesche hanno potuto ritrovare i familiari vivi, le case intatte? Forse nessuna. Il loro massacro dopo i bombardamenti a tappeto delle loro città, è continuato anche dopo la fine della guerra.

CONCLUSIONI

Ma che facevano i Comitati clandestini, i “Prominenti”, che almeno in parte dovevano essere rimasti nel Lager, tanto più che spesso era partito solo chi voleva partire? Dalle pagine del Levi risulta che non si facevano né vedere, né sentire, e certo non dormivano, visto che un mese prima erano riusciti a fare saltare un crematorio di Birkenau (Pag. 187), ed anzi, secondo il Kalendarium di Auschwitz – Birkenau, il 26/01/46 era stato fatto saltare il Crematorio V, e non certo ad opera delle SS (6).

6MILIONI

Come mai non si mettevano in contatto radio con i russi o con gli alleati, ora che avevano completa libertà d’azione? Non può esserci alcun dubbio che l’avessero fatto, ma probabilmente avevano avuto disposizione di tacere e di collaborare alla costruzione delle atrocità naziste.

La conclusione che si può trarre dal libri del Levi è quindi una sola, e cioè che il degrado dei Lager si è verificato solo dopo il loro abbandono da parte delle SS, sotto la regia ed il controllo dei liberatori, e che i russi ne abbiano deliberatamente ritardato la liberazione, in attesa del loro completo sfacelo, per entrarvi solo dopo il 27, dopo 9 giorni di completo abbandono, con cineprese e macchine fotografiche.

Sarebbe interessante poter ricostruire, in un film – documento, come i liberatori seguivano dall’esterno lo stato di degrado del campo e la consistenza dei cumuli di cadaveri, come era organizzato lo scambio di informazioni con il Comitato clandestino all’interno del campo, come programma-vano gli interventi e le atrocità da costruire, come sceglievano il momento più opportuno per “liberare” il Lager.

Primo Levi è morto suicida nel 1987, senza apparenti motivi. Il suo suicidio ha suscitato scalpore per la sua notorietà internazionale, e qualche psichiatra ha sostenuto che il Levi poteva essere salvato indagando sulla causa dei suoi conflitti.

1941

Come abbiamo visto il Levi non ha tratto le conseguenze logiche dei fatti avvenuti nei Lager durante gli ultimi giorni della sua prigionia, eppure gli argomenti che abbiamo discusso, e che lui non può avere ignorato, devono avere pesato sulla sua coscienza. Forse il Levi, dopo il ritorno dalla prigionia e per tutta la vita, è stato lacerato fra il dovere, come uomo, di gridare al mondo tutta la verità, ed il suo dovere, come ebreo, di tacerla nell’interesse del popolo d’Israele.

Mentre il mancato soccorso delle truppe russe agli insorti di Varsavia nel settembre – ottobre del 1944 è stato criticato dagli occidentali, nessuna critica è stata rivolta ai russi, o meglio, ai sovietici, per la ritardata occupazione del Lager di Auschwitz. Ciò può essere spiegato solo con un preventivo accordo, o almeno un tacito consenso, con scambio di cortesie dello stesso tipo. Non ci sono altre spiegazioni logiche ed attendibili. Queste infamie devono essere attribuite a tutti i capi responsabili della coalizione antitedesca.

Franco Deana

NOTE

  1. Primo Levi – Se questo è un uomo – Editore Einaudi – Ristampa del 01/09/84
  2. Pro e contro Hitler – Dossier Mondadori – 1972, pag. 89
  3. William Schirer – Storia del III Reich – Einaudi Editore – 1962, pag. 298
  4. Rudolf Hoss – Comandante ad Auschwitz – Einaudi Editore, pag. XIII
  5. Primo Levi – La Tregua – Einaudi Nuovi Coralli – 1971
  6. Danta Czech – Kalendarium der Ersignisse in Konzatrations lager Auschwitz – Birkenau 1939 – 1945 – Rowohlt – Edizione 1989 – Pag. 990.

********************

Appendice.

Dato l’argomento, ho deciso di pubblicare a seguire una delle tante interviste sconosciute del compianto Prof. Robert Faurisson. Ovviamente, l’intervista è stata pubblicata da un giornale algerino, mentre la “civile” Europa incarcera ed aggredisce i ricercatori storici….

Carlo Gariglio

****************

PER NON DIMENTICARE…

Intervista concessa, in esclusiva, dal professor Robert Faurisson al grande quotidiano arabofono algerino Echorouk (Aurora). Versione italiana.

«L’Olocausto» è una menzogna storica. Proprio all’apogeo del massacro sionista di cui è vittima il popolo palestinese a Gaza, il professor Robert Faurisson riafferma che nel corso della seconda guerra mondiale non c’è mai stato un genocidio degli ebrei e che i nazisti, all’epoca di Hitler, non hanno mai perpetrato ciò che oggi viene chiamato «l’Olocausto». Dopo che egli ha pubblicamente espresso queste convinzioni, la lobby ebraica non ha smesso di aggredirlo e di perseguitarlo per le sue ricerche storiche e per le sue opinioni. Io l’ho incontrato per la prima volta poco più di due anni fa, alla conferenza internazionale su «l’Olocausto» che si teneva allora a Teheran. Da allora ho avuto con lui parecchi incontri e scambi di corrispondenza. Con la guerra d’Israele contro Gaza, il professor Robert Faurisson si è nuovamente opposto, mettendosi di fronte agli ebrei, divulgandone ed esponendone le ambizioni e la viltà. Io gli ho chiesto di accordare un’intervista ad Echorouk, cosa che lui ha accettato volentieri. Nella sua lettura della situazione, il professor Faurisson prevede, a lungo termine, la sconfitta degli ebrei nella loro occupazione della Palestina; questi ebrei conosceranno la sorte comune a tutti gli invasori.

Intervista realizzata da Mourad Ouabass

Robert Faurisson, chi è Lei?

Sto per avere 80 anni. Sono nato vicino a Londra, nel 1929, da padre francese e madre scozzese. Sono sia suddito britannico che cittadino francese. Sono stato professore d’università. Ho insegnato alla Sorbona e in una università di Lione. Possiedo l’agrégation di lettere (francese, latino, greco) e il dottorato in lettere e scienze umanistiche (il che comprende la storia). Le mie due specializzazioni sono state, da un lato, la «letteratura francese moderna e contemporanea» e, dall’altro, la «critica dei testi e documenti (letteratura, storia, media)». Mi sono interessato specialmente alla propaganda di guerra durante la Seconda guerra mondiale.

Può mettere il lettore algerino al corrente delle vostre ricerche, le quali hanno lo scopo di rivedere la storia di ciò che al giorno d’oggi viene chiamato «l’Olocausto» degli ebrei?

Al processo di Norimberga (1945-1946), il tribunale dei vincitori ha segnatamente accusato la Germania vinta:

1) d’aver ordinato e pianificato lo sterminio fisico degli ebrei d’Europa;

2) d’avere a questo scopo, messo a punto ed utilizzato delle armi di distruzione di massa chiamate, in particolare, «camere a gas»;

3) d’avere, essenzialmente con queste armi, ma anche con altri mezzi, provocato la morte di sei milioni di ebrei.

Come ha riesaminato queste accuse?

In appoggio a questa triplice accusa, ripresa per più di sessant’anni dall’insieme dei grandi mezzi di comunicazione di massa occidentali, nessuno ha potuto produrre alcuna prova che resista alla verifica. Sono quindi giunto alla seguente conclusione: Le pretese camere a gas hitleriane e il preteso genocidio degli ebrei formano una sola e medesima menzogna storica, che ha permesso una gigantesca truffa politico-finanziaria i cui principali beneficiari sono lo Stato d’Israele e il sionismo internazionale e le cui principali vittime sono il popolo tedesco, ma non i suoi dirigenti, e l’intero popolo palestinese.

Quali sono stati, sulla Sua vita personale, gli effetti di queste conclusioni delle Sue ricerche storiche, che offendono la credenza pubblica in ciò che si chiama «l’Olocausto»?

La mia vita è diventata un inferno dal giorno in cui, nel luglio 1974, sono stato segnalato dal giornale israeliano Yedioth Aharonoth. Dal 1974 ad oggi, ho subito dieci aggressioni fisiche, ho avuto innumerevoli processi e condanne ed ho finito per venire privato del diritto di insegnare all’università. In Francia, per far tacere i «revisionisti» che noi siamo, la lobby ebraica ha ottenuto il voto di una legge speciale, la legge Fabius – Gayssot del 13 luglio 1990, ricalcata su una legge israeliana del luglio 1986. Laurent Fabius è un deputato socialista, ricchissimo ed ebreo, mentre Jean – Claude Gayssot è un deputato comunista. La legge Fabius – Gayssot prevede fino ad un anno di prigione, 45.000 € d’ammenda e ancora altre punizioni per coloro che «contestano» il preteso «Olocausto». In quasi tutto il mondo occidentale, con o senza legge speciale, il revisionismo viene severamente sanzionato. Un certo numero dei miei colleghi o amici revisionisti sono stati o sono attualmente in prigione, per lunghi anni, specialmente in Germania e in Austria, paesi con i quali nessun [vero] trattato di pace è stato ancora firmato dal 1945 e i cui governi restano sottomessi alla volontà dei vincitori della Seconda guerra mondiale.

faurisson-aggredito

«L’Olocausto» è diventato un tabù mondiale?

Nel mondo occidentale, si ha il diritto di contestare tutte le religioni salvo la religione de «l’Olocausto». Ci si può burlare di Dio, di Gesù, di Maometto ma non di quello che Simon Wiesenthal, Elie Wiesel e Simone Veil hanno raccontato sul preteso genocidio o le pretese camere a gas. Auschwitz è diventato un luogo sacro. Vi si organizzano dei pellegrinaggi. Vi si vedono delle pretese reliquie di pretesi gassati: delle scarpe, degli occhiali, dei capelli e dei bidoni dell’insetticida Zyklon B che viene presentato come il prodotto che è servito ad accoppare gli ebrei, mentre veniva adoperato per la disinfezione dei vestiti o dei locali nei campi falcidiati dalle epidemie di tifo petecchiale. Ci raccontano che i Tedeschi cercavano «la soluzione finale della questione ebraica» in Europa e che questa formula nascondeva, sembrerebbe, la loro volontà di sterminare gli ebrei. Questo è falso. Non bisogna barare.

I Tedeschi cercavano in realtà «una soluzione finale TERRITORIALE della questione ebraica».

Essi volevano espellere gli ebrei verso un territorio che fosse per loro appropriato. È esatto che prima della guerra, essi hanno per un certo tempo, pensato che questo territorio potesse situarsi in Palestina ma, molto velocemente, hanno considerato che questa soluzione sarebbe stata impossibile, e che bisognava scartarla per riguardo verso « il nobile e valoroso popolo arabo»

(Sic! Io garantisco l’autenticità di queste parole).

Cos’è accaduto, alla fine dei conti?

Desiderosi, durante la guerra, di neutralizzare gli ebrei, i Tedeschi ne hanno messo un certo numero nei campi di concentramento o di lavoro in attesa che il conflitto finisse. Essi hanno rimandato al dopoguerra la soluzione definitiva. Durante la guerra e fino agli ultimi mesi della stessa, hanno detto agli Alleati: « Voi ammirate gli ebrei? Prendeteli. Noi siamo pronti ad inviarvi quanti ebrei europei vorrete ma ad una espressa condizione: ed è che questi ebrei resteranno in Gran Bretagna fino alla fine del conflitto; essi non devono con nessun pretesto andare in Palestina; il popolo palestinese ha già talmente sofferto a causa degli ebrei che sarebbe una ‘indecenza’ (sic) accrescerne il martirio.»

Ecco che mi spingo a chiederLe la Sua opinione sul massacro che ha luogo attualmente a Gaza.

Oggi più che mai, il popolo palestinese subisce un calvario. L’esercito israeliano, dopo avere inflitto a questo popolo l’operazione «Uva dell’ira», poi l’operazione «Baluardo a Jenin», seguita dall’operazione «Arcobaleno» e dalla operazione «Giorno di penitenza», infligge loro attualmente l’operazione «Piombo fuso». Invano! Invano perché, a mio avviso, lo Stato d’Israele non vivrà nemmeno il tempo che è durato il Regno Franco di Gerusalemme, vale a dire 89 anni. La maggior parte degli ebrei lascerà queste terre con lo stesso panico con cui i coloni francesi hanno lasciato Algeri nel 1962 o con cui l’Esercito americano ha abbandonato Saigon nel 1975.

La Palestina ridiventerà un paese libero, in cui musulmani, cristiani, ebrei ed altri potranno coabitare. Almeno questo è il voto che io formulo, io che, dopo 34 anni, vengo trattato in Francia come una sorta di Palestinese.

Io l’ho detto l’11 e il 12 dicembre 2006, al momento della conferenza su «l’Olocausto» organizzata a Teheran sotto l’egida del presidente Ahmadinejad: noi abbiamo tutti i mezzi per dare aiuto alla liberazione della Palestina. Questo mezzo consiste nel far conoscere al mondo intero le conclusioni della ricerca revisionista. Bisogna togliere ogni credito a questo preteso «Olocausto» diventato l’arma numero uno del sionismo e dello Stato d’Israele; questa menzogna è la spada e lo scudo di questo Stato.

Sarebbe assurdo cercare di difendersi contro l’armamento militare degli Israeliani risparmiando l’arma numero uno della loro propaganda nel mondo intero.

Ho recentemente appreso che un altro processo La minaccia prossimamente perché Lei persiste a contestare – il che è in Francia proibito per legge – la realtà de « l’Olocausto » degli ebrei. Quando cesseranno i Suoi problemi con i tribunali, dato che sta per raggiungere l’età di 80 anni?

Vi annuncio che al mio prossimo processo, di cui non conosco ancora la data, dichiarerò questo ai miei tre giudici della XVII camera del tribunale correzionale di Parigi (2 e 4, Boulevard du Palais, 75001 Parigi):

«Chiunque si autorizza ad affermare che le pretese camere a gas naziste ed il preteso genocidio degli ebrei siano state una realtà storica si trova, che lo voglia o meno, a dare il proprio avallo ed una spaventosa menzogna che è diventata l’arma numero uno della propaganda di guerra dello Stato d’Israele, uno stato colonialista, razzista ed imperialista. Chi ha la disinvoltura di garantire il mito de l’Olocausto si osservi le mani! Le sue mani sono rosse del sangue dei bambini palestinesi!»

***************

La prima intervista con il professor Faurisson è stata pubblica su Echorouk il 27 dicembre 2006.

(Fonte: www.radioislam.org)

 

IL REVISIONISTA PRIMO LEVI – I PARTE (Pubblicato sul mensile “Il Lavoro Fascista” – Dicembre 2019)

Da tempo cercavo di recuperare i documenti che utilizzo in questo articolo, pubblicati in varie puntate nel lontano 1994 dal mensile “Sentinella d’Italia”, diretto dal compianto Camerata di Monfalcone Antonio Guerin, a cura dell’articolista Franco  Deana, che non ho mai più sentito nominare da allora, ma che merita comunque una menzione per il suo lavoro di ricerca a proposito delle menzogne spacciate da Primo Levi come “memorie e testimonianze”.

Già, perché noi amanti della vera Storia, che non può che essere revisionista, molto spesso ci concentriamo sulla lettura delle opere dei miti del revisionismo, tipo Rassinier, Faurisson, Irving, Leuchter, Graf, Ahmed Rami, Vincent Reynouard, Carlo Mattogno… Molti di questi autori, che la stragrande maggioranza dei cerebrolesi sostenitori del mito dell’olocausto non hanno mai neppure sentito nominare (poi gli ignoranti saremmo noi, ovviamente!), ha pagato il desiderio di libera ricerca storica con le aggressioni, le ospedalizzazioni, il carcere ed infine l’esilio in terre lontane e meno prone al volere giudaico, che è riuscito a fare approvare leggi liberticide contro chi osa dubitare del cosiddetto olocausto, a prescindere dalle prove, in molte nazioni europee e non.

Ma senza scomodare gli studiosi di cui sopra, ad un lettore attento, critico e non disposto a leggere i documenti con il paraocchi giudaico, bastano gli scritti dei cosiddetti “testimoni oculari”, le loro contraddizioni, le fantasie più ardite e le menzogne più spudorate che hanno scritto, per comprendere come tutta la storiografia sull’olocausto non sia altro che una favola.

Ho letto “testimonianze” di chi sostiene di essere scampato ad una gasazione… Fuggendo dalle finestre della camera a gas, lasciate aperte! Quindi dovremmo credere che le camere a gas avessero delle finestre, e che queste venissero lasciate aperte durante le gasazioni! Forse per uccidere anche qualche centinaio di soldati all’esterno della “camera a gas”?

Per non parlare dei sedicenti testimoni oculari di assurdità logiche, tipo le fosse “fiammeggianti” di Wiesel, o il numero incredibile di campi di “sterminio” ai quali sarebbe scampato Wiesenthal… Giusto a titolo esemplificativo, a questo link potrete leggere l’ennesima fanta – testimonianza di una presunta scampata, che sarebbe ancora viva perché rimasta incastrata della porta della camera a gas… E naturalmente non più gasata successivamente!

https://www.avvenire.it/mondo/pagine/cos-sono-uscita-viva-dalla-camera-a-gas_200906050702239770000

Del resto, tutta la narrativa olocaustica è semplicemente ridicola… Sarebbero morti sei milioni di ebrei in Europa, ovvero il numero totale degli ebrei presenti nel continente, stando al censimento pubblicato nel 1938 dal World Almanach… Censimento che valutava la popolazione mondiale ebraica in poco più di 15 milioni di persone… Stranamente lo stesso numero che risulta da censimenti fatti dopo la guerra!

44219180_283754669133544_3703330177971912704_n

Ciò nonostante, incuranti del ridicolo, esistono “giornalisti” disposti a giurare che i morti ebrei nella II Guerra Mondiale furono 15 – 20 milioni, cioè un numero notevolmente superiore a quello di tutti gli ebrei presenti allora nel mondo! Chissà se tutti gli ebrei a tutt’oggi vivi ed attivi sono stati ricreati in provetta, o sono stati creati nuovamente da quel Dio che li avrebbe nominati “popolo eletto”!

https://www.ilgiornale.it/news/cronache/olocausto-studio-choc-rivela-uccisi-15-20-milioni-ebrei-892608.html

Altro mistero della Storia ufficiale è la totale incuranza dei vari documenti ebraici che denunciano, o paventano, un olocausto di sei milioni di ebrei fin dal lontano 1915! Nessuno storico ha mai fornito una spiegazione logica a questi fenomeni di “preveggenza”, né si è mai chiesto per quale motivo si sia sempre parlato di “olocausto” e di “sei milioni di vittime”…

http://antimassoneria.altervista.org/incredibile-gli-altri-olocausti-ebraici-poco-noti-che-mieterono-6-milioni-di-vittime/

1919

Allora, se permettete, nel mio piccolo, una spiegazione ve la fornisco io, traendola dal seguente documento, che tutti farebbero bene a scaricare prima che la lunga mano di Giuda lo faccia sparire:

https://www.itajos.com/BIBLIOTECA/Seimilionipdf.pdf

La mitica figura “Sei Milioni” ha davvero origini intriganti. Gli ebrei hanno fermamente enfatizzato la cifra di 6.000.000 in atrocità propaganda dagli anni 1869 al 1945.

Giornale1915

Picture-2

La ricerca mostra che la ragione per questa bizzarra fissazione ebraica sul numero 6 milioni deriva principalmente da un’antica profezia religiosa nella Torah. Secondo alcune fonti, la profezia prevedeva che prima che il popolo ebraico potesse reclamare e riconquistare la Palestina per stabilire una patria ebraica chiamata “Israele”, 6.000.000 ebrei avrebbero dovuto perire in un sacrificio bruciato [“burnt offering” in inglese] (cioè “Olocausto”), come sacrificio alla loro assetata di sangue mofo della tribù tribale, YHWH. (Vedi: Weintraub, Ben. The Holocaust Dogma of Judaism: Keystone of the New World Order. Washington, D.C.: Cosmo Pub., 1995.)

L’autore ebreo, Benjamen Blech, confermò questa realtà nel suo libro “I segreti delle parole ebraiche” (J Aronson Inc., 1991, 241), affermando:

“La parola ebraica per “tu tornerai” (TaShuVU), sembra essere stata scritta in modo errato. Grammaticalmente ne richiede un altro (vav). Dovrebbe leggere (TaShUVU). Perché manca la lettera (vav) che sta per sei. [TaShuVU] senza il vav è una previsione per il popolo ebraico di ritorno definitivo alla loro patria nazionale. TaShuVU in numeri arriva fino a 708: tav = 400, shin = 300, vei = 2, vey = 6. Quando scriviamo l’anno, ignoriamo i millenni. Nel 1948 sul calendario secolare, abbiamo assistito al miracolo del ritorno ebraico in Israele. Nel calendario ebraico era l’anno 5708. Quello era l’anno previsto dalla parola incompleta (TaShuVu), voi tornarete. Siamo tornati, mancando 6 – un importante 6 milioni di persone che sono morte nell’olocausto. Tuttavia, l’adempimento della predizione del ritorno proprio in quell’anno implicito dalla gematria di TaShuVU ci dà la ferma speranza che le parole dei profeti per la redenzione finale diventino realtà.”

Ecco due commenti aggiuntivi sulle origini del “Sei Milioni” da History & Scriptural Origins del Six Million Number:

[Citazione 1] Le profezie ebraiche nella Torah richiedono che 6 milioni di ebrei debbano “svaniti” prima che si possa formare lo stato di Israele. “Tu dovrai tornare meno 6 milioni.” Ecco perché Tom Segev, uno storico israeliano, ha dichiarato che “6 milioni” è un tentativo di trasformare la storia dell’Olocausto in religione di stato. Quei sei milioni, secondo la profezia, dovevano scomparire in “forni ardenti”, che è la versione giudiziaria dell’Olocausto ora autenticata. In effetti, Robert B. Goldmann scrive: ” (. . .) senza l’Olocausto, non ci sarebbe Stato ebraico.” Una semplice conseguenza: Dato sei milioni di ebrei gasati ad Auschwitz che finirono nei “forni ardenti” (la parola greca olocausto significa offerte bruciate), quindi, le profezie sono state ora “adempiuta” e Israele può diventare uno “stato legittimo”. – Sconosciuto

[Citazione 2] Riguardo al numero di “sei milioni” dovresti sapere quanto segue: Nel testo ebraico della profezia della Torah, si può leggere: “Tu dovrai tornare”. Nel testo è assente la lettera “V” o “VAU”, in quanto l’ebraico non ha numeri; la lettera V sta per il numero 6. Ben Weintraub, uno scienziato religioso, ha imparato dai rabbini che il significato della lettera mancante significa che il numero è “6 milioni”. La profezia poi recita: tu tornerai, ma con 6 milioni in meno. Vedi Ben Weintraub: “The Holocaust Dogma of Judaism”, Cosmo Publishing, Washington 1995, pagina 3. I 6 milioni mancanti devono essere così prima che gli ebrei possano tornare nella Terra Promessa. Jahweh vede questo come una pulizia delle anime del popolo peccaminoso. Gli ebrei devono, al ritorno nella Terra Promessa, essere puliti – la pulizia deve essere fatta a fuoco. [“in burning stokes” in inglese].

Capito cosa si cela dietro l’olocausto e la favolistica cifra dei sei milioni?

Capito perché il totale è sempre 6 milioni, sia che si considerino 4 milioni di morti ad Auschwitz, sia che se ne considerino solo 1,5 milioni? E lo stesso vale per tutti i cosiddetti “campi di sterminio”, il cui numero dei presunti morti è andato calando di anno in anno, salvo lasciare il totale sempre a 6 milioni!

La propaganda ebraica blatera di olocausto e di sei milioni di morti fin dai primi del novecento, senza mai convincere nessuno; quale migliore occasione del “mostro” Adolf Hitler per fare accettare questa farsa a tutti ed avere mano libera nella criminale occupazione, con annesso genocidio (questo sì tristemente vero), della terra di Palestina?

Ma veniamo ora alla ricerca critica sugli scritti di Primo Levi, che da soli bastano a smentire buona parte della propaganda ebraica, nonché le sue stesse parole, che stranamente variano dall’inizio alla fine delle sue pagine.

Dedico questo lavoro ad una cerebrolesa ignorante che sul più inutile dei social, Facebook, mi apostrofò, dopo uno scritto revisionista, urlandomi: “Leggiti il Diario di Anna Frank e Primo levi”.

Circa il Diario di Anna Frank, che è stato riconosciuto essere un falso da decenni, lascio la parola ad un compianto Camerata:

http://pocobello.blogspot.com/2019/04/finalmente-ammessa-la-frode-del-diario.html

Circa Primo Levi, eccoti servita, piccola casalinga disperata in cerca di visibilità social!

Carlo Gariglio

************

Ponendo in rilievo le assurdità logiche e le contraddizioni dei documenti, troveremo inattese conferme che molte atrocità tedesche sono state inventate dai nemici della Germania.

PRIMO LEVI: SE QUESTO E’ UN UOMO.

A tal fine invitiamo a leggere criticamente “Se questo è un uomo” di Primo Levi, adottato come testo nelle scuole italiane e citato dalla televisione italiana nel dibattito condotto da A. Petacco il 28/01/1989 come prova delle atrocità tedesche.

Lo analizzeremo ponendo in rilievo i fatti visti e vissuti, che riteniamo pienamente attendibili (1).

Ci riferiremo alla ristampa identica alla precedente dell’Editore Einaudi del 01/09/1984, indicando fra parentesi il numero della/e pagina/e dalle quali abbiamo ripreso le notizie.

Ricordiamo che Levi era stato deportato a Monovitz, il lager più grande del complesso Auschwitz – Birkenau, situato 7 Km ad est della cittadina di Auschwitz (Pagina 231).

Il Levi, malgrado le vituperate “Leggi Razziali” del 1938, si era laureato in chimica all’Università di Torino “Summa cun Laude” nel 1941, all’età di 22anni (Pag. 135). Nel 1943 aveva messo in piedi “una banda partigiana affiliata a Giustizia e Libertà”, ma era stato catturato dalla milizia Fascista il 13/12/1943 (Pag. 11).

Stranamente, pure essendo ebreo e partigiano non era stato subito fucilato, ma inviato in un campo di lavoro ad Auschwitz, ed adibito a lavori manuali pesanti, poco adatti a lui “debole e maldestro” Pag. 20), tanto maldestro che si ferisce al piede sinistro durante il lavoro. (Pag. 53).

Campo

Neanche ora viene ucciso, ma ricoverato nell’infermeria denominata Ka-Be, costituita da 8 baracche che “contengono permanent-emente un decimo della popolazione del campo” (Pag. 55). Levi teme che il Ka-Be sia la camera a gas di cui tutti parlano (Pag. 58), viene deriso dagli ebrei polacchi e dall’infermiere che, vedendolo così magro, gli dice: “tu ebreo spacciato, tu presto crematorio, finito” (Pag. 69). Gli viene assegnata la cuccetta n° 10, vuota.

“La vita del Ka-Be è vita di limbo… Non fa freddo, non si lavora” (Pag. 60).

Dopo un altro periodo di internamento viene selezionato ed inviato al laboratorio chimico (Pag. 174), dove “sto al coperto ed al caldo e nessuno mi picchia; rubo e vendo sapone e benzina, senza serio rischio… Sto seduto tutto il giorno, ho un quaderno ed una matita… E persino un libro sui metodi analitici… E quando voglio uscire, basta che avvisi” (Pag. 178).

L’11 gennaio 1945 si ammala di scarlattina e viene nuovamente ricoverato nel Ka-Be, una cameretta assai pulita, dove sapeva “di avere diritto a 40 giorni di isolamento e quindi di riposo” (Pag. 190) e dove riceveva forti dosi di sulfamidici (Pag. 191).

Dopo 5 giorni di ricovero il barbiere lo informa che tutti andranno via ed il medico gli conferma che quelli che potevano camminare dovevano partire il giorno dopo, mentre gli altri sarebbero rimasti nel Ka-Be, assistiti dai malati meno gravi (Pag. 193).

Levi si prepara a partire, ma un colloquio con Kosman, che aveva conoscenze fra “i prominenti”, lo convince a restare (Pag. 195).

La notte del 18 gennaio 1945, circa 20.000 sani, provenienti da vari campi, partirono; rimase nel campo qualche ben consigliato. “Nella quasi totalità, essi scomparvero durante la marcia di evacuazione”.

Nell’intero Ka-Be rimasero forse in 800. Il mattino seguente fu fatta l’ultima distribuzione di zuppa calda. L’impianto di riscaldamento era stato abbandonato. “Fuori ci dovevano essere almeno 20 sotto lo zero” (Pag. 196). “Alcune torrette di guardia erano ancora occupate dalle SS… Fu fatta ancora una distribuzione di pane” (Pag. 197).

Alle 23 tutte le luci si spensero e cominciò il bombardamento; anche “il campo era stato colpito”. I malati delle baracche colpite e minacciate dal fuoco chiedono ricovero, ma vengono respinti dai loro compagni di prigionia. I tedeschi non c’erano più, le torrette erano vuote (Pag. 198). All’alba del giorno 19 Levi e due suoi compagni, avvolti in coperte, escono per cercare viveri, trovano delle patate ed una stufa; al rientro incontrano un tedesco in motocicletta che li ignora (Pagg. 198 – 201).

Il 20 gennaio “il campo era silenzioso. Altri spettri affamati si aggirano” nel campo, “barbe orami lunghe, occhi incavati” (Pag. 203). In lontananza Levi vedeva un lungo tratto di strada; vi passava a ondate la Wehrmacht in fuga e tedeschi a cavallo, in bicicletta, a piedi, armati e disarmati. All’alba del 21 gennaio la pianura era deserta. Anche i civili polacchi erano scomparsi (Pag. 205). Una indescrivibile sporcizia aveva invaso ogni reparto del campo (Pag. 206).

Il 22 gennaio molti cadaveri furono accatastati in una trincea (Pag. 209); il 24 gennaio “il mucchio di cadaveri, di fronte alla nostra finestra, rovinava ormai fuori dalla fossa… Nel campo nessun ammalato guariva, molti invece si ammalavano di polmonite e diarrea” (Pag. 213). “Tutti si dicevano, a vicenda, che i russi, presto, subito, sarebbero arrivati” (Pag. 216), ma i russi arrivarono il 27 gennaio. Solo uno del gruppo degli 11 ammalati di scarlattina era morto nei dieci giorni, ma altri 5 sono morti nell’infermeria russa provvisoria (Pag. 218).

LEVI NON HA VISTO?

Levi ha ultimato il suo libro nel gennaio 1947, quando le notizie sulle camere a gas e sul genocidio degli ebrei erano ormai di pubblico dominio, ma essendosi limitato a riportare i fatti di cui aveva “diretta esperienza”, ha solo parlato genericamente di “selezioni” e di “andare in gas”; infatti non conosceva “i dettagli delle camere a gas e dei crematori”, che ha appreso “soltanto dopo, quando tutto il mondo li ha appresi”; così come non parla dei lager russi, perché non c’è stato (Pag. 233).

E’ vero che Levi si trovava a Monovitz e non a Brikenau, ma gli scambi di personale fra i vari campi erano frequenti, e l’invio di molte migliaia di deportati nelle camere a gas, ogni giorno, non poteva essere tenuto nascosto ad un attento osservatore.

Come mai il Levi, partigiano ebreo, debole e maldestro, quindi pericoloso per i tedeschi e poco utile come lavoratore manuale, non solo è scampato alle selezioni, ma è stato inviato in infermeria per due volte, la 2° volta quando i russi ormai stavano avanzando verso Cracovia?

Levi tenta una giustificazione: “entravano in campo quelli che il caso faceva scendere da un lato del convoglio; andavano in gas gli altri” (Pag. 20). Questa giustificazione contrasta con tutte le altre testimonianze sullo sterminio ebraico e fa a pugni con la logica di uno sterminio programmato su vasta scala e con la organizzazione tedesca.

Lo stesso Levi scrive che il giorno dell’urgente sgombero del campo, “una maresciallo delle SS fece il giro delle baracche. Nominò in ognuna un capo – baracca scegliendo fra i non ebrei rimasti, e dispose che fosse fato immediatamente un elenco dei malati, distinto in ebrei e non ebrei… E nessun ebreo pensò seriamente di vivere fino al giorno successivo” (Pag. 197).

Quindi l’organizzazione tedesca era rimasta intatta fino all’ultimo momento, e Levi e gli ebrei non venivano “selezionati” perché questi erano gli ordini.

Infatti il Levi aveva incontrato due ragazzi ebrei giovanissimi, che erano in lager da tre anni (Pag. 34).

Nel campo le “SS ci sono sì, ma sono poche; e fuori dal campo, e si vedono relativamente di rado: i nostri padroni effettivi sono i triangoli verdi, i quali hanno mano libera su di noi”. (Pag. 37).

Io sono uno degli ebrei italiani, tutti dottori, “che non sanno lavorare e si lasciano rubare il pane e prendono schiaffi dalla mattina alla sera… Persino gli ebrei polacchi li disprezzano perché non sanno parlare yiddish” (Pag. 59).

L’esame dei fatti vissuti dal Levi ci consente di mettere in dubbio che esistesse un piano di sterminio degli ebrei, perché altrimenti lui, partigiano ebreo, debole e maldestro non sarebbe potuto sfuggire alle selezioni ed alle camere a gas, e non sarebbe stato curato in infermeria per due volte, ricevendo forti dosi di sulfamidici, un medicinale scoperto nel 1935, e confermano quanto descritto dal vituperato partigiano francese Paul Rassinier, deportato a Buchenwald, da cui era tornato invalido al 100% + 5%, il cui mirabile volume “La menzogna di Ulisse” è stato prima ignorato e poi bollato come nazista; confermano cioè che le violenze erano normalmente compiute dagli stessi deportati e non dalle SS, che erano poche e troppo occupate.

Il “pregevole” libro del Levi era stato rifiutato dai grandi editori e stampato da una piccola casa editrice in 2500 copie per cadere subito nell’oblio. Riteniamo che questa sia stata una fortuna perché così il testo non ha subito manomissioni tali da eliminare le notizie che invece può fornirci. Evidentemente allora la censura, o l’autocensura, non aveva raggiunto l’attuale livello di perfezionamento.

Solo nel 1958 il libro è stato ristampato da Einaudi, e poi tradotto in sei lingue, ridotto per la radio e la televisione, ed infine adottato nelle scuole. A questo punto però era necessario concedere qualcosa e perciò l’edizione scolastica del 1976 è stata integrata con un’appendice, nella quale si è potuto colmare qualche “lacuna” del libro.

TUTTI I TEDESCHI RESPONSABILI.

Nell’appendice il Levi scrive che “come mia indole personale non sono facile all’odio” (Pag. 222), ma “gli occhi azzurri e i capelli biondi sono essenzialmente malvagi” (Pag. 134). “I tedeschi sono sordi e ciechi; chiusi in una corazza di ostinazione e di deliberata sconoscenza… Fabbricano rifugi, trincee, riparano i danni, costruiscono, combattono, comandano, organizzano ed uccidono. Che potrebbero fare? Sono tedeschi; non potrebbero fare altrimenti” (Pag. 177). Il popolo tedesco non ha tentato “di prendere le distanze dal nazismo… E di questa deliberata omissione lo ritengo pienamente colpevole” (Pa. 227). “Infatti, centinaia di migliaia di tedeschi furono rinchiusi nei Lager fin dai primi mesi del nazismo… E tutto il Paese lo sapeva, e sapeva che nei Lager si soffriva e si moriva” (Pag. 225).

Come spesso succede, per rimediare alle omissioni del suo libro, il Levi ora esagera senza badare alle contraddizioni, perché, se fosse vero che centinaia di migliaia di tedeschi erano stati rinchiusi nei Lager del naziso, è evidente che l’opposizione sarebbe stata molto diffusa. Ma non è vero.

Secondo il volume “Hitler – pro e contro”, edizioni Mondadori, gli internati in Germania erano complessivamente 40.000 (2). W. Schirer, che dopo la guerra ha avuto la mano, o meglio, la penna pesante nella sua “Storia del III Reich”, ha affermato che, negli anni precedenti la guerra, la popolazione dei campi di concentramento nazisti non contò probabilmente più di 20.000 – 30.000 individui contemporaneamente (3). Anche Lord Russel ha affermato che erano 20.000 (4).

Nella foga ora il Levi smentisce anche se stesso, quando aggiunge che il libo aveva “incominciato a scriverlo là, in quel laboratorio tedesco pieno di gelo, di guerra e di sguardi indiscreti” (Pag. 221), dimenticando che prima aveva scritto che stava al coperto e al caldo ed era libero di di uscire quando voleva (Pag. 178).

LA DIREZIONE CLANDESTINA DEI LAGER.

Sempre nella appendice il Levi ci informa che nei Lager era presente una “esperienza cospirativa” che sfociava “in attività di difesa abbastanza efficienti”. Nei Lager si riusciva “a ricattare e corrompere le SS”, a sabotare il lavoro, “a comunicare via radio con gli alleati, fornendo loro le notizie sulle orrende condizioni dei campi”, “a pilotare le selezioni mandando a morte le spie e i traditori e salvando prigionieri la cui sopravvivenza avesse per qualsiasi motivo importanza particolare, a prepararsi anche militarmente a resistere”, anche se ad Auschwitz una difesa attiva o passiva era particolarmente difficile (Pag. 229).

Nell’aprile del 1988, presso l’Istituto Gramsci di Genova, si era tenuta una mostra sulla resistenza tedesca dove, fra l’altro, una foto scattata subito dopo la liberazione di Buchenwald, mostrava la direzione clandestina del campo, composta da rappresentanti di tutte le nazionalità, tutti visibilmente in buone condizioni di salute (Foto n° 270).

Anche il libretto “Mauthausen”, distribuito ai visitatori all’ingresso del Lager, conferma l’attiva presenza della direzione clandestina.

Nel campo erano internati gruppi “di criminali ai quali fino alla primavera del 1944 erano state affidate quasi tutte le mansioni di direzione dei deportati (kapos, personale di blocco, ecc.). L’allontanamento dei criminali da questi posti nell’ultimo periodo del dominio nazionalsocialista era stato un’importante successo dell’organizzazione internazionale della resistenza dei deportati”, creata clandestinamente nel campo nell’estate del 1943.

Il comitato all’inizio del 1945 organizzò formazioni militari dirette da un Colonnello austriaco ed un Maggiore sovietico, ed assunse la direzione del campo il 4 maggio 1945. “Le formazioni militari dei deportati disarmarono le unità SS, che non erano fuggite, e combatterono anche contro le unità SS in ritirata nei pressi del campo e lungo il Danubio. Il 7 maggio 1945 i deportati vennero definitivamente liberati dai soldati dell’esercito USA”.

Quindi risulta confermato che i Lager negli ultimi giorni, o mesi, prima della loro occupazione, o liberazione, erano in larga misura gestiti dai Comitati clandestini, che erano0 in contatto con gli alleati.

Le conclusioni che discendono dalle presenza nei campi dei Comitati clandestini e dai fatti descritti dal Levi negli ultimi giorni di prigionia, pur ripugnando alla coscienza di ogni uomo civile, e pur apparendo in un primo tempo inaccettabili, risultano invece chiare ed inevitabili.

(SEGUE SUL PROSSIMO NUMERO)