IL REVISIONISTA PRIMO LEVI (II PARTE) – (Pubblicato sul mensile “Il Lavoro Fascista” – Gennaio 2020)

(SEGUE DAL NUMERO PRECEDENTE)

ARRIVANO I LIBERATORI

Il 18/01/1945 le SS, sotto l’incalzare dell’armata russa, che aveva già occupato Cracovia, 50 Km ad est di Auschwitz e 43 da Monowitz, avevano abbandonato il campo in fretta ma ordinatamente, dopo avere fatto distribuire l’ultimo rancio quotidiano, un’ulteriore razione di pane e senza gasare, o fucilare i loro prigionieri, neanche gli ebrei che non potevano trasferire per le loro condizioni di salute.

All’alba del 21 la fuga dei tedeschi nei pressi del campo era completamente finita ed anche i civili polacchi erano scomparsi. Era logico attendersi che le sofferenze dei prigionieri fossero finite.

rimpatriata

Invece no! Nel campo e nei dintorni i tedeschi non c’erano più, ed i prigionieri che sotto la direzione delle SS avevano il medico, il dentista, il barbiere, il diritto a 40 giorni di quarantena in caso di malattia contagiosa, ed il rancio, ora, sotto la direzione dei Comitati clandestini,  erano liberi solo di morire di fame, di freddo e di stenti, mentre i liberatori non arrivavano e si facevano sentire solo bombardando il campo per accelerarne lo sfacelo.

Eppure certamente i russi sapevano che tutti i tedeschi, anche quelli disarmati, erano fuggiti, perché già dal 22 avevano occupato la cittadina di Auschwitz; anche se le loro pattuglie non fossero arrivate al campo, i partigiani polacchi, o i civili polacchi che lo avevano abbandonato entro il 21 (Pag. 205), o le radio della direzione clandestina, o la ricognizione aerea dovevano averli informati.

La prova che qualche pattuglia russa, o di partigiani polacchi fosse arrivata al campo almeno il 22 ce la fornisce lo stesso Levi, quando scrive che “alcune SS forse disperse, ma armate”, erano penetrate nel campo ed avevano ucciso, “metodicamente, con un colpo alla nuca”, tutti i 18 francesi che si erano stabiliti nel refettorio delle SS,  “allineando poi i corpi contorti sulla neve della strada” (Pag. 209).

Naturalmente i prigionieri che attendevano i russi come liberatori hanno pensato ai loro carcerieri, ma noi possiamo esaminare criticamente la notizia. Ricordiamo che le SS avevano abbandonato il campo già da quattro giorni e gli ultimi tedeschi erano stati visti fuggire verso occidente dal giorno prima; era improbabile il sopraggiungere di altri tedeschi, in una zona ormai occupata dalle truppe nemiche. Anche se dei tedeschi sbandati ed armati avessero incontrato i francesi, al massimo li avrebbero posti in fuga, probabilmente senza sparare, per evitare di richiamare l’attenzione di qualche pattuglia nemica. Non avevano nessun motivo di uccidere sistematicamente tutti con un colpo alla nuca, il classico modo di esecuzione dei russi, ed ancora meno di allinearli sulla strada, pronti per le fotografie dei liberatori, perdendo tempo prezioso per la loro salvezza.

Inoltre, se i corpi erano “contorti”, evidentemente erano stati trasportati ed allineati solo dopo che era sopravvenuta la rigidità, perché se fossero stati trascinati subito dopo l’uccisione, sarebbero rimasti distesi e non “ontorti”. I tedeschi cioè, invece di mettersi in salvo, avrebbero prima perso del tempo ad uccidere i francesi, inutilmente, poi ad attenderne la rigidità cadaverica, ed infine a trascinarli ed allinearli sulla neve.

SHOA

Assurdo. Ci si può credere solo ricorrendo al “Credo quia absurdum”.

L’unica spiegazione logica è che i francesi fossero incappati in una pattuglia di militari russi, o in una banda di partigiani polacchi, i quali, non volendo lasciare testimoni della loro presenza, li avevano eliminati, mentre per i tedeschi il fatto di essere visti non aveva alcuna importanza.

LA TREGUA

Primo Levi ci fornisce qualche ulteriore notizia nel suo libro “La tregua”, dove racconta le sue peripezie dopo l’arrivo dei russi ad Auschwitz; è il seguito di “Se questo è un uomo”, ma è stato scritto nel 1962. In numeri tra parentesi indicano le pagine delle citazioni (5).

Ora Levi ha scritto che “tutti i prigionieri sani furono evacuati, in condizioni spaventose, su Buchenwald e su Mauthausen, mentre i malati furono abbandonati a sé stessi (Pag. 9); prima aveva scritto che la quasi totalità “erano scomparsi durante la marcia di evacuazione”. Quindi Levi ci conferma che non erano stati inviati nelle camere a gas.

Levi aggiunge che l’intenzione tedesca era “di non lasciare nei campi di concentramento nessun uomo vivo, ma un violento attacco aereo notturno, e la rapidità dell’avanzata russa, indussero i tedeschi… A prendere la foga (Pag. 9), ma ora trascura il fatto che, secondo il suo stesso diario, i tedeschi avevano sgomberato il campo il 18 gennaio, ordinatamente e metodicamente, e che il campo era stato bombardato solo la notte successiva.

Se i tedeschi ne avessero avuto l’ordine e l’intenzione, avrebbero avuto tutto il tempo di uccidere gli 800 malati; ci sarebbero voluti solo pochi minuti per uccidere 800 malati riuniti nelle infermerie, prima o dopo il bombardamento.

Inoltre, poiché l’avanzata russa era effettivamente molto rapida, tanto da costringere i tedeschi a sgomberare il campo rapidamente, non si spiega perché i russi abbiano ritardato di 10 giorni l’effettiva occupazione del Lager di Monowitz, avvenuta solo il 28 gennaio.

Nell’infermeria del Lager di Buna – Monowitz erano rimasti in 800. “Di questi circa 500 morirono delle loro malattie, di freddo e di fame prima che arrivassero i russi, ed altri 200, malgrado i soccorsi, nei giorni immediatamente successivi” (Pag. 9). Quindi questi 700 morti sono da addebitare al ritardo nei soccorsi.

Pochi giorni dopo i russi radunarono tutti i superstiti in un “campo grande” di Auschwitz, dove era stato accolto anche un bambino che non sapeva parlare, di cui nessuno sapeva nulla, “Hurbinek, che aveva tre anni e forse era nato ad Auschwitz e non aveva mai visto un albero… IL cui minuscolo avambraccio era pure stato segnato con il tatuaggio di Auschwitz”,  e che morì ai primi di marzo.

Non era il solo bambino. “Ce n’erano altri, in condizioni di salute relativamente buone: avevano costituito un loro piccolo club… Il più autorevole membro del clan non aveva più di 5 anni, e si chiamava Peter Pavel… Era un bel bambino biondo e robusto, dal visto intelligente ed impassibile” (Pag. 26).

Quindi Levi ci conferma che ad Auschwitz c’erano anche dei bambini, tatuati come gli altri internati, che non erano stati inviati nelle camere a gas con le loro madri, e che rientravano nel numero complessivo degli internati, anche se non erano utili come forza lavoro e dovevano essere sfamati.

Poiché Levi era stato internato nel Lager ai primi di marzo 1944, col n° 174.517, il numero complessivo degli internati, bambini compresi, non deve avere superato i 250.000, mentre gli storici ufficiali affermano che ad Auschwitz so0no stati inviati nelle camere a gas 4 milioni di deportati, fra cui tutti i bambini.

1906

Durante il viaggio di rimpatrio, il 15 ottobre, il treno di Levi era passato per Monaco di Baviera, “fra il popolo dei Signori: ma gli uomini erano pochi, molti mutilati, molti vestiti di stracci come noi. Mi sembrava che ognuno avrebbe dovuto… Ascoltare con umiltà il nostro racconto. Ma nessuno accettò la contesa: erano sordi, ciechi e muti, asserragliati fra le loro rovine come in un fortilizio di sconoscenza voluta, ancora forti, ancora capaci di odio e di disprezzo, ancora prigionieri dell’antico nodo di superbia e di colpa”.

Queste parole di Levi, cariche d’odio verso i sopravvissuti all’olocausto tedesco, ci fanno tornare alla memoria il giudizio espresso dal generale Patton dopo la guerra, e cioè che quello tedesco era l’unico popolo decente d’Europa.

Levi dimostra invece una marcata simpatia per i russi: “Era agevole ravvisare in loro, in ciascuno di quei visi rudi e aperti, i buoni soldati dell’Armata Rossa, gli uomini valenti della Russia vecchia e nuova, miti in pace ed atroci in guerra, forti di una disciplina interiore nata dalla concordia, dall’amore reciproco e dall’amore di Patria; una disciplina più forte, appunto, perché interiore, della disciplina meccanica e servile dei tedeschi. Era agevole intendere, vivendo fra loro, perché quella e non questa avesse alla fine prevalso” (Pag. 122).

Questi giudizi non meritano commenti.

Quindi Levi, così attento ed acuto nello studiare e giudicare i suoi compagni di prigionia e di viaggio, in “La Tregua” non solo si dimostra nemico dei tedeschi, come è logico per un ebreo, ma “chiuso in un fortilizio di sconoscenza voluta”, per usare le sue stesse parole.

Il 19 ottobre Levi giunge a Torino: “La casa era in piedi, tutti i familiari vivi… Gli amici pieni di vita” (Pag. 154). I tedeschi avevano giustamente risparmiato i familiari di Levi.

Quante famiglie tedesche hanno potuto ritrovare i familiari vivi, le case intatte? Forse nessuna. Il loro massacro dopo i bombardamenti a tappeto delle loro città, è continuato anche dopo la fine della guerra.

CONCLUSIONI

Ma che facevano i Comitati clandestini, i “Prominenti”, che almeno in parte dovevano essere rimasti nel Lager, tanto più che spesso era partito solo chi voleva partire? Dalle pagine del Levi risulta che non si facevano né vedere, né sentire, e certo non dormivano, visto che un mese prima erano riusciti a fare saltare un crematorio di Birkenau (Pag. 187), ed anzi, secondo il Kalendarium di Auschwitz – Birkenau, il 26/01/46 era stato fatto saltare il Crematorio V, e non certo ad opera delle SS (6).

6MILIONI

Come mai non si mettevano in contatto radio con i russi o con gli alleati, ora che avevano completa libertà d’azione? Non può esserci alcun dubbio che l’avessero fatto, ma probabilmente avevano avuto disposizione di tacere e di collaborare alla costruzione delle atrocità naziste.

La conclusione che si può trarre dal libri del Levi è quindi una sola, e cioè che il degrado dei Lager si è verificato solo dopo il loro abbandono da parte delle SS, sotto la regia ed il controllo dei liberatori, e che i russi ne abbiano deliberatamente ritardato la liberazione, in attesa del loro completo sfacelo, per entrarvi solo dopo il 27, dopo 9 giorni di completo abbandono, con cineprese e macchine fotografiche.

Sarebbe interessante poter ricostruire, in un film – documento, come i liberatori seguivano dall’esterno lo stato di degrado del campo e la consistenza dei cumuli di cadaveri, come era organizzato lo scambio di informazioni con il Comitato clandestino all’interno del campo, come programma-vano gli interventi e le atrocità da costruire, come sceglievano il momento più opportuno per “liberare” il Lager.

Primo Levi è morto suicida nel 1987, senza apparenti motivi. Il suo suicidio ha suscitato scalpore per la sua notorietà internazionale, e qualche psichiatra ha sostenuto che il Levi poteva essere salvato indagando sulla causa dei suoi conflitti.

1941

Come abbiamo visto il Levi non ha tratto le conseguenze logiche dei fatti avvenuti nei Lager durante gli ultimi giorni della sua prigionia, eppure gli argomenti che abbiamo discusso, e che lui non può avere ignorato, devono avere pesato sulla sua coscienza. Forse il Levi, dopo il ritorno dalla prigionia e per tutta la vita, è stato lacerato fra il dovere, come uomo, di gridare al mondo tutta la verità, ed il suo dovere, come ebreo, di tacerla nell’interesse del popolo d’Israele.

Mentre il mancato soccorso delle truppe russe agli insorti di Varsavia nel settembre – ottobre del 1944 è stato criticato dagli occidentali, nessuna critica è stata rivolta ai russi, o meglio, ai sovietici, per la ritardata occupazione del Lager di Auschwitz. Ciò può essere spiegato solo con un preventivo accordo, o almeno un tacito consenso, con scambio di cortesie dello stesso tipo. Non ci sono altre spiegazioni logiche ed attendibili. Queste infamie devono essere attribuite a tutti i capi responsabili della coalizione antitedesca.

Franco Deana

NOTE

  1. Primo Levi – Se questo è un uomo – Editore Einaudi – Ristampa del 01/09/84
  2. Pro e contro Hitler – Dossier Mondadori – 1972, pag. 89
  3. William Schirer – Storia del III Reich – Einaudi Editore – 1962, pag. 298
  4. Rudolf Hoss – Comandante ad Auschwitz – Einaudi Editore, pag. XIII
  5. Primo Levi – La Tregua – Einaudi Nuovi Coralli – 1971
  6. Danta Czech – Kalendarium der Ersignisse in Konzatrations lager Auschwitz – Birkenau 1939 – 1945 – Rowohlt – Edizione 1989 – Pag. 990.

********************

Appendice.

Dato l’argomento, ho deciso di pubblicare a seguire una delle tante interviste sconosciute del compianto Prof. Robert Faurisson. Ovviamente, l’intervista è stata pubblicata da un giornale algerino, mentre la “civile” Europa incarcera ed aggredisce i ricercatori storici….

Carlo Gariglio

****************

PER NON DIMENTICARE…

Intervista concessa, in esclusiva, dal professor Robert Faurisson al grande quotidiano arabofono algerino Echorouk (Aurora). Versione italiana.

«L’Olocausto» è una menzogna storica. Proprio all’apogeo del massacro sionista di cui è vittima il popolo palestinese a Gaza, il professor Robert Faurisson riafferma che nel corso della seconda guerra mondiale non c’è mai stato un genocidio degli ebrei e che i nazisti, all’epoca di Hitler, non hanno mai perpetrato ciò che oggi viene chiamato «l’Olocausto». Dopo che egli ha pubblicamente espresso queste convinzioni, la lobby ebraica non ha smesso di aggredirlo e di perseguitarlo per le sue ricerche storiche e per le sue opinioni. Io l’ho incontrato per la prima volta poco più di due anni fa, alla conferenza internazionale su «l’Olocausto» che si teneva allora a Teheran. Da allora ho avuto con lui parecchi incontri e scambi di corrispondenza. Con la guerra d’Israele contro Gaza, il professor Robert Faurisson si è nuovamente opposto, mettendosi di fronte agli ebrei, divulgandone ed esponendone le ambizioni e la viltà. Io gli ho chiesto di accordare un’intervista ad Echorouk, cosa che lui ha accettato volentieri. Nella sua lettura della situazione, il professor Faurisson prevede, a lungo termine, la sconfitta degli ebrei nella loro occupazione della Palestina; questi ebrei conosceranno la sorte comune a tutti gli invasori.

Intervista realizzata da Mourad Ouabass

Robert Faurisson, chi è Lei?

Sto per avere 80 anni. Sono nato vicino a Londra, nel 1929, da padre francese e madre scozzese. Sono sia suddito britannico che cittadino francese. Sono stato professore d’università. Ho insegnato alla Sorbona e in una università di Lione. Possiedo l’agrégation di lettere (francese, latino, greco) e il dottorato in lettere e scienze umanistiche (il che comprende la storia). Le mie due specializzazioni sono state, da un lato, la «letteratura francese moderna e contemporanea» e, dall’altro, la «critica dei testi e documenti (letteratura, storia, media)». Mi sono interessato specialmente alla propaganda di guerra durante la Seconda guerra mondiale.

Può mettere il lettore algerino al corrente delle vostre ricerche, le quali hanno lo scopo di rivedere la storia di ciò che al giorno d’oggi viene chiamato «l’Olocausto» degli ebrei?

Al processo di Norimberga (1945-1946), il tribunale dei vincitori ha segnatamente accusato la Germania vinta:

1) d’aver ordinato e pianificato lo sterminio fisico degli ebrei d’Europa;

2) d’avere a questo scopo, messo a punto ed utilizzato delle armi di distruzione di massa chiamate, in particolare, «camere a gas»;

3) d’avere, essenzialmente con queste armi, ma anche con altri mezzi, provocato la morte di sei milioni di ebrei.

Come ha riesaminato queste accuse?

In appoggio a questa triplice accusa, ripresa per più di sessant’anni dall’insieme dei grandi mezzi di comunicazione di massa occidentali, nessuno ha potuto produrre alcuna prova che resista alla verifica. Sono quindi giunto alla seguente conclusione: Le pretese camere a gas hitleriane e il preteso genocidio degli ebrei formano una sola e medesima menzogna storica, che ha permesso una gigantesca truffa politico-finanziaria i cui principali beneficiari sono lo Stato d’Israele e il sionismo internazionale e le cui principali vittime sono il popolo tedesco, ma non i suoi dirigenti, e l’intero popolo palestinese.

Quali sono stati, sulla Sua vita personale, gli effetti di queste conclusioni delle Sue ricerche storiche, che offendono la credenza pubblica in ciò che si chiama «l’Olocausto»?

La mia vita è diventata un inferno dal giorno in cui, nel luglio 1974, sono stato segnalato dal giornale israeliano Yedioth Aharonoth. Dal 1974 ad oggi, ho subito dieci aggressioni fisiche, ho avuto innumerevoli processi e condanne ed ho finito per venire privato del diritto di insegnare all’università. In Francia, per far tacere i «revisionisti» che noi siamo, la lobby ebraica ha ottenuto il voto di una legge speciale, la legge Fabius – Gayssot del 13 luglio 1990, ricalcata su una legge israeliana del luglio 1986. Laurent Fabius è un deputato socialista, ricchissimo ed ebreo, mentre Jean – Claude Gayssot è un deputato comunista. La legge Fabius – Gayssot prevede fino ad un anno di prigione, 45.000 € d’ammenda e ancora altre punizioni per coloro che «contestano» il preteso «Olocausto». In quasi tutto il mondo occidentale, con o senza legge speciale, il revisionismo viene severamente sanzionato. Un certo numero dei miei colleghi o amici revisionisti sono stati o sono attualmente in prigione, per lunghi anni, specialmente in Germania e in Austria, paesi con i quali nessun [vero] trattato di pace è stato ancora firmato dal 1945 e i cui governi restano sottomessi alla volontà dei vincitori della Seconda guerra mondiale.

faurisson-aggredito

«L’Olocausto» è diventato un tabù mondiale?

Nel mondo occidentale, si ha il diritto di contestare tutte le religioni salvo la religione de «l’Olocausto». Ci si può burlare di Dio, di Gesù, di Maometto ma non di quello che Simon Wiesenthal, Elie Wiesel e Simone Veil hanno raccontato sul preteso genocidio o le pretese camere a gas. Auschwitz è diventato un luogo sacro. Vi si organizzano dei pellegrinaggi. Vi si vedono delle pretese reliquie di pretesi gassati: delle scarpe, degli occhiali, dei capelli e dei bidoni dell’insetticida Zyklon B che viene presentato come il prodotto che è servito ad accoppare gli ebrei, mentre veniva adoperato per la disinfezione dei vestiti o dei locali nei campi falcidiati dalle epidemie di tifo petecchiale. Ci raccontano che i Tedeschi cercavano «la soluzione finale della questione ebraica» in Europa e che questa formula nascondeva, sembrerebbe, la loro volontà di sterminare gli ebrei. Questo è falso. Non bisogna barare.

I Tedeschi cercavano in realtà «una soluzione finale TERRITORIALE della questione ebraica».

Essi volevano espellere gli ebrei verso un territorio che fosse per loro appropriato. È esatto che prima della guerra, essi hanno per un certo tempo, pensato che questo territorio potesse situarsi in Palestina ma, molto velocemente, hanno considerato che questa soluzione sarebbe stata impossibile, e che bisognava scartarla per riguardo verso « il nobile e valoroso popolo arabo»

(Sic! Io garantisco l’autenticità di queste parole).

Cos’è accaduto, alla fine dei conti?

Desiderosi, durante la guerra, di neutralizzare gli ebrei, i Tedeschi ne hanno messo un certo numero nei campi di concentramento o di lavoro in attesa che il conflitto finisse. Essi hanno rimandato al dopoguerra la soluzione definitiva. Durante la guerra e fino agli ultimi mesi della stessa, hanno detto agli Alleati: « Voi ammirate gli ebrei? Prendeteli. Noi siamo pronti ad inviarvi quanti ebrei europei vorrete ma ad una espressa condizione: ed è che questi ebrei resteranno in Gran Bretagna fino alla fine del conflitto; essi non devono con nessun pretesto andare in Palestina; il popolo palestinese ha già talmente sofferto a causa degli ebrei che sarebbe una ‘indecenza’ (sic) accrescerne il martirio.»

Ecco che mi spingo a chiederLe la Sua opinione sul massacro che ha luogo attualmente a Gaza.

Oggi più che mai, il popolo palestinese subisce un calvario. L’esercito israeliano, dopo avere inflitto a questo popolo l’operazione «Uva dell’ira», poi l’operazione «Baluardo a Jenin», seguita dall’operazione «Arcobaleno» e dalla operazione «Giorno di penitenza», infligge loro attualmente l’operazione «Piombo fuso». Invano! Invano perché, a mio avviso, lo Stato d’Israele non vivrà nemmeno il tempo che è durato il Regno Franco di Gerusalemme, vale a dire 89 anni. La maggior parte degli ebrei lascerà queste terre con lo stesso panico con cui i coloni francesi hanno lasciato Algeri nel 1962 o con cui l’Esercito americano ha abbandonato Saigon nel 1975.

La Palestina ridiventerà un paese libero, in cui musulmani, cristiani, ebrei ed altri potranno coabitare. Almeno questo è il voto che io formulo, io che, dopo 34 anni, vengo trattato in Francia come una sorta di Palestinese.

Io l’ho detto l’11 e il 12 dicembre 2006, al momento della conferenza su «l’Olocausto» organizzata a Teheran sotto l’egida del presidente Ahmadinejad: noi abbiamo tutti i mezzi per dare aiuto alla liberazione della Palestina. Questo mezzo consiste nel far conoscere al mondo intero le conclusioni della ricerca revisionista. Bisogna togliere ogni credito a questo preteso «Olocausto» diventato l’arma numero uno del sionismo e dello Stato d’Israele; questa menzogna è la spada e lo scudo di questo Stato.

Sarebbe assurdo cercare di difendersi contro l’armamento militare degli Israeliani risparmiando l’arma numero uno della loro propaganda nel mondo intero.

Ho recentemente appreso che un altro processo La minaccia prossimamente perché Lei persiste a contestare – il che è in Francia proibito per legge – la realtà de « l’Olocausto » degli ebrei. Quando cesseranno i Suoi problemi con i tribunali, dato che sta per raggiungere l’età di 80 anni?

Vi annuncio che al mio prossimo processo, di cui non conosco ancora la data, dichiarerò questo ai miei tre giudici della XVII camera del tribunale correzionale di Parigi (2 e 4, Boulevard du Palais, 75001 Parigi):

«Chiunque si autorizza ad affermare che le pretese camere a gas naziste ed il preteso genocidio degli ebrei siano state una realtà storica si trova, che lo voglia o meno, a dare il proprio avallo ed una spaventosa menzogna che è diventata l’arma numero uno della propaganda di guerra dello Stato d’Israele, uno stato colonialista, razzista ed imperialista. Chi ha la disinvoltura di garantire il mito de l’Olocausto si osservi le mani! Le sue mani sono rosse del sangue dei bambini palestinesi!»

***************

La prima intervista con il professor Faurisson è stata pubblica su Echorouk il 27 dicembre 2006.

(Fonte: www.radioislam.org)